Birthdate

Birthdate
di Lance Rubin

Cari Lettori,
questa mia recensione ha una particolarità, l’ho scritta una domenica sera – sarebbe meglio dire notte – in cui l’idea di affrontare una nuova settimana lavorativa mi metteva davvero ko, per cui siate buoni mentre la leggete

Descrizione
Denton Little non è ancora morto! In un mondo in cui tutti conoscono la data della propria morte fin dalla nascita, Denton è l’unico ad aver superato indenne il giorno fatidico. Non sa perché proprio a lui sia capitato questo straordinario destino, sa solo che ora tutti lo cercano. La sua famiglia, il suo migliore amico Paolo, e Veronica, la ragazza che ha baciato poco prima di darsi alla fuga e che non riesce a togliersi dalla testa. Persino la polizia lo sta cercando. Lui è la prova vivente che è possibile scampare alla propria data di morte, e ora tutti vogliono un pezzo di Denton Little. Questo è decisamente un problema, soprattutto perché il Governo preferirebbe ucciderlo piuttosto che ammettere l’anomalia del sistema. Come se non bastasse, mancano pochi giorni al decesso di Paolo. Proprio adesso che il poveretto si è reso conto di essere follemente, perdutamente innamorato di Millie, l’unica ragazza al mondo che non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. Tra fughe rocambolesche e amori impossibili, Denton cerca di salvare gli amici e smascherare i nemici. Ma come si comporterà ora che non conosce più la data della propria fine e la morte può incombere in ogni momento?

Recensione
Denton Little non è morto! E’ questa è una notizia incredibile perchè io al protagonista di Deathdate  mi ci sono davvero affezionata e mi sarebbe spiaciuto che tirasse le cuoia così giovane.
Ma facciamo un breve riepilogo della storia. Avevamo lasciato Denton alla fine del primo romanzo con due certezze, la prima è che la sua data di morte non era più tale e la seconda che la sua madre biologica era ancora viva. Il nostro giovane fuggitivo si trova in una situazione quantomeno surreale, tutto ciò che lui credeva – morte, funerale e chi ne ha più ne metta – è stato sconvolto.
Sua madre lo tiene segregato in casa perchè ha una missione da portare a termine e Denton ne è in mezzo, ma lui non ci sta, perchè quello che vuole davvero è salvare il suo migliore amico Paolo prima che giunga il giorno in cui è prevista la sua di morte.

Un po’ macabro? niente affatto perchè Birthdate, così come il suo predecessore è un romanzo divertente, fresco e rocambolesco.
Lance Rubin è un trascinatore, ha creato una storia accattivante e con una coppia di amici che conquistano e divertono. Mai una pausa, mai un attimo di noia e anche alcuni passaggi possono sembrare ingenui bhe io personalmente ho lasciato correre proprio perchè conquistata dal quadro d’insieme.

Insomma un libro per ragazzi che ho adorato e consiglio a tutti voi.

Alla prossima
Chicca

Precedente Agatha Raisin e la quiche letale Successivo Invito a Capri con Delitto

7 thoughts on “Birthdate

  1. Ho il primo libro della serie, mea culpa non l’ho ancora letto. Devo assolutamente recuperarlo. Ho letto invece con piacere la tua recensione e, di giorno come di notte, sei sempre al top. Un saluto 🙂

  2. Ho il primo capitolo della saga, mea culpa per non averlo ancora letto. Devo recuperarlo assolutamente. Ho letto invece con piacere la tua recensione e , di giorno come di notte, sei sempre al top. Un saluto 🙂

    • librintavola il said:

      grazie Aquila sei troppo carina 😀
      comunque se riesci a infilare Deathdate tra le tue letture sono certa che non te ne pentirai. E’ davvero un bel romanzo.

  3. Siannalyn il said:

    A me il primo non aveva fatto impazzire, avevo trovato l’idea molto originale ma la realizzazione non mi aveva soddisfatto, quondi non ho ancora deciso se leggere o meno questo secondo libro, però sono contenta che ti sia piaciuto 🙂

    • librintavola il said:

      si in effetti a me sono piaciuti entrambi, li ho trovati molto divertenti, mi spiace che per te non sia stato lo stesso. peccato!
      in ogni caso bentornata, sentivo molto la tua mancanza.

  4. l’ho letto anche io e ho adorato il fatto che nonostante i temi trattati mantenesse un tono allegro, anche grazie a Paolo. Molto adatto ai ragazzi, per me

    • librintavola il said:

      si confermo adattissimo ai ragazzi. e sono sempre più felice di essere riuscita a leggerlo.

I commenti sono chiusi.