Con te sarà diverso

Con te sarà diverso

Con te sarà diverso
Con te sarà diverso


di Jessica Sorensen

Descrizione
Callie è un’adolescente che non ha mai avuto fiducia nel destino. Dal giorno in cui ha perso per sempre la sua innocenza ha preferito rendersi invisibile e chiudersi in se stessa, per sfuggire a un doloroso passato e non permettere a nessuno di farle di nuovo del male. Kayden, invece, si è rassegnato alla sua sorte: soffrire in silenzio è l’unico modo che conosce per sopravvivere alla violenza di suo padre e ai colpevoli silenzi di sua madre. Ma proprio quando si è ormai arreso al dolore e all’abbandono, un angelo di nome Callie accorre a salvarlo. Forse non è solo una coincidenza, forse è proprio il destino, quello stesso destino da cui entrambi si sentono schiacciati, a farli incontrare e a offrire loro un’opportunità di riscatto, qualunque sia il prezzo.

Recensione
Dopo The Secret Trilogy – in Italia sono editi i primi due volumi – dedicata ad Ella e Micha, riecco la Sorensen con altri due adolescenti alle prese con il primo amore: Callie e Kayden.
Il primo libro della trilogia The Coincident of Callie & Kayden racconta la storia di due ragazzi che portano nel corpo e nell’animo ferite che difficilmente saranno rimarginabili.
Callie è stata stuprata da bambina, Kayden lotta continuamente contro un padre violento e crudele. Entrambi hanno la loro dose di problemi, ma quando si innamorano l’uno dell’altra sembra che insieme riescano ad affrontare la loro vita difficle.
Nel romanzo troviamo i temi più cari alla Sorensen, ragazzi/amore/sofferenza, che avevamo gia intravisto nei suoi altri scritti, il linguaggio e la scrittura sono estremamente giovanili, i temi trattati dolorosi e profondi, ma a mio parere nonostante una discreta dose di temi interessanti da trattare il libro è piatto e in alcuni punti noioso.
Sembra che si ruoti attorno al tema del dolore lasciando troppo poco spazio ai momenti spensierati del college, devo però dire che l’alternarsi dei protagonisti al racconto alterno dei vari capitoli da un effetto meno pesante all’insieme.
So bene che come primo libro non tutta la centralità della storia viene trattata soprattutto in virtù del fatto che il volume termina in maniera estremamente brusca, quindi prima di esprimere un parere di totale negatività dovrei aspettare di leggere il restante, ma devo dire che nonostante lo abbia finito in tempi record, non ho trovato la lettura di mio gradimento.

Un ultima cosa, trovo che la scelta del titolo in italiano sia pessima, ogni volta mi stupisco di quanto poco accorti siano gli editor nel loro lavoro. The coincident of Callie e Kayden è decisamente più appropriato.

Precedente La ragazza delle arance Successivo Zeppole di San Giuseppe al forno

Lascia un commento

*