Che cosa è successo a Barnaby Brocket?

Che cosa è successo a Barnaby Brocket?
di John Boyne

Amo leggere i libri per ragazzi, vado sempre in cerca di titoli nuovi che potrebbero interessare sia me che le mie figlie ed il libro di cui vi parlerò oggi lo avevo adocchiato in biblioteca da diversi mesi ma non avevo ancora trovato il tempo di leggerlo. Poi visto che le challenge a cui partecipo hanno mille mila obiettivi, alcuni anche stravaganti, Barnaby Brocket capitava proprio a fagiolo per alcune di loro!

Descrizione
I Brocket sono persone normali. I Brocket amano essere persone normali. Fanno di tutto per non farsi notare e storcono il naso di fronte a stranezze o spettacoli insoliti. E così, quando il loro Barnaby viene al mondo, per i Brocket è una vera tragedia, perché il piccolo mostra subito di avere la testa tra le nuvole. Letteralmente: Barnaby non è soggetto alle leggi di gravità, e anziché rimanere tra le braccia di mamma e papà fluttua verso il soffitto. Un terribile giorno, esasperati da questo figlio decisamente fuori dal comune, decidono che il piccolo deve andare per la sua strada. Tradito, spaventato e solo, Barnaby fluttua via dalla sua famiglia e inizia così un magico viaggio intorno al mondo in cui incontrerà personaggi strampalati che lo ameranno così com’è e vivrà insolite avventure che gli faranno scoprire la gioia di essere diverso.

Recensione
La famiglia Brocket è la personificazione della normalità, un papà avvocato, una mamma ex avvocato ed ora casalinga, un figlio maschio, una figlia femmina e un cane. Nulla di strano accade in questa famiglia, per loro esiste un solo imperativo: essere normali.
Così quando viene al mondo Barnaby, il piccolo di casa, grande è lo stupore nello scoprire che quel bambino è tutt’altro che normale.
Barnaby infatti fluttua. Vola in alto come un palloncino ed è la disperazione di quei genitori che della normalità ne hanno fatto un simbolo.
E cosa decidono di fare quei due sciagurati? Mollarlo li per aria senza alcun ripensamento lasciandolo vagare per il mondo.

Geniale! Chiunque critichi questo romanzo non ha capito un emerita cippa di ciò che John Boyne ha voluto comunicare al mondo intero. E per farlo si è avvalso della dolcezza di un bimbo di 8 anni che aiuta il prossimo, si lascia amare e va per la sua strada cercando in ogni modo di tornare dall’unica famiglia che conosce, nonostante tutto.

… il punto è che solo perchè la tua versione di normale non coincide con quella di un altro, questo non significa che tu sia fatto male

La genialità di questo libro è proprio nella sua stravaganza, perchè attraverso un racconto così fantasioso Boyne ci mette davanti ad una metafora nemmeno tanto difficile da capire. Non tutti accettano la “diversità” ma per ogni persona che considera chi ha delle doti particolari uno “strano da evitare” ce ne sono tante altre che invece ci vivono più che bene.
Ma in fondo siamo sicuri che essere normali sia poi tanto bello?

Barnaby insegna moltissimo alle persone che incontra nel suo peregrinare fluttuando e con l’innocenza tipica di un bambino lancia perle di saggezza ad ogni pagina del libro, senza mai accusare nessuno della sua condizione, ma semplicemente accettando di essere quello che è.

Con uno stile molto elementare, adatto a fare presa anche sul ragazzino più insofferente, Boyne parla chiaro, diverte, ma allo stesso tempo insegna che ognuno di noi deve accettare se stesso e gli altri per quello che sono.
Forse in questo modo si vivrebbe un po’ meglio ma soprattutto si potrebbe essere più felici.

Grande Barnaby!

Chicca

Precedente Segnalazione: Sei arrivato Tu Successivo Recap Gennaio 2018

6 commenti su “Che cosa è successo a Barnaby Brocket?

  1. Che bella recensione Chicca.
    Mi piacciono molto i libri che lanciano un messaggio positivo e questo mi sembra proprio uno di quello.
    Ammetto di non conoscerlo ma me lo segno subito

Lascia un commento

*