Deadly Heat

Deadly Heat

Deadly heat cover
Deadly heat cover

di Richard Castle

Descrizione
Quinto capitolo della serie di Richard Castle, “Deadly Heat” prosegue il racconto della detective più conturbante dei nostri tempi é del suo irresistibile compagno di inchieste. Prendendo avvio dalla conclusione di “Frozen Heat” ritroviamo la detective Nikki Heat all’inseguimento dell’imprendibile ex agente della CIA che aveva ordinato l’uccisione di sua madre dieci anni prima. Nella caccia Nikki è ancora una volta affiancata dal suo compagno di lavoro, il giornalista premio Pulitzer Jameson Rook, e la loro ricerca della vecchia spia e dei motivi dj quell’omicidio svelano un intrigo terroristico che non riguarda affatto una storia passata. È una faccenda molto pericolosa e sta accadendo adesso. E il piano è già entrato nella fase di escalation finale. A complicare la missione di Heat, consegnare alla giustizia la spia corrotta e sventare l’incombente minaccia terroristica, si presenta un serial killer che minaccia il Ventesimo distretto di Polizia. La squadra Omicidi di cui Heat è a capo è così impegnata a fermare l’uomo, e deve far presto. Il terribile assassino, conosciuto per la sua inquietante capacità di rimanere in incognito, non solo ha scelto Nikki come unica destinataria dei suoi messaggi provocatori, ma ha anche svelato il nome della sua prossima vittima: Heat.

Recensione
Il fatto che io abbia un debole per Richard Castle non influenzerà assolutamente questa mia recensione, prometto che rimarrò neutra e mi limiterò a esporre i fatti nudi e crudi, quindi mettetevi comodi e godetevi la lettura.

Castle presenta Deadly heat
Castle presenta Deadly heat

Gli omicidi di un ispettore sanitario prima e di una famosa paladina dei diritti dei consumatori poi, distoglie per un momento il 20esimo distretto dal caso su cui tutti stanno concentrando le loro energie, ovvero la cattura di un ex-spia della CIA invischiata nell’omicidio della madre della detective Heat.
I due delitti sono collegati, infatti sulle scene di entrambi i crimini vengono ritrovati dei laccetti colorati uniti tra loro, indizi che portano gli investigatori a capire di avere a che fare con un serial killer che uccide in modo spietato le sue vittime.
Come una ragnatela intrecciata da un paziente ragno i fili colorati si intersecano tra loro fino a portare al nome dell’ultima, per il momento, vittima designata, ovvero Nikki Heat.

La detective, assieme alla sua squadra ed al suo compagno Jameson Rook, si muove su più fronti per cercare di arrestare la scia di delitti ad opera del Serial killer Arcobaleno e al contempo cercando di catturare i mandanti dell’assassinio di Cynthia Heat e Nicole Bernardin (leggasi il precedente Frozen Heat per tutti i dettagli).
Ma le cose peggiorano con il passare delle ore, e nonostante la task force messa in piedi dalla sicurezza nazionale, prove tangibili fanno pensare ad un attacco bio terroristico nella città di New York, così Nikki oltre a doversela vedere contro un omicida seriale deve collaborare con l’agente Yardley Bell ex fiamma di Rook.

La coppia Nikki-Jameson funziona, che sia su carta o che sia sul piccolo schermo
nelle vesti di Kate Beckett-Richard Castle è innegabilmente attraente. La loro intesa diverte il lettore e come per i precedenti libri, anche Deadly Heat è un mix di azione, avventura, amore e gelosie.
Il libro è ben scritto, non annoia e tiene viva l’attenzione di chi legge grazie alle fughe rocambolesche, le battute sarcastiche e i misteri che si infittiscono. Tutto è palesemente studiato a tavolino per intrattenere quella fascia di pubblico che ama il Telefim da cui prende spunto il libro, ma non per questo è meno piacevole.
Personalmente ritengo che questa sia una lettura adatta a tutte le stagioni e a quei lettori che cercano di trascorrere ore piacevoli in compagnia di amici di carta, perchè tuffarsi nei libri dedicati a questa serie è un po’ come tornare a casa, mettersi le ciabatte e tuffarsi sul divano.

Buona lettura!

Nota
Dello stesso autore qui trovate la recensione del primo libro Heat Wave

 

Precedente Una donna indipendente Successivo La ricetta del vero amore

Lascia un commento

*