Finchè le stelle saranno in cielo

Finchè le stelle saranno in cielo
di Kristin Harmel

finche-le-stelle-saranno-in-cielo
finche-le-stelle-saranno-in-cielo

Descrizione
Da sempre Rose, nell’attimo che precede la sera, alza lo sguardo a cercare la prima stella del crepuscolo. È quella stella, anche ora che la sua memoria sta svanendo, a permetterle di ricordare chi è e da dove viene. La riporta alle sue vere radici, ai suoi diciassette anni, in una pasticceria sulla rive della Senna. Il suo è un passato che nessuno conosce, nemmeno l’amatissima nipote Hope. Ma adesso per Rose, prima che sia troppo tardi, è venuto il tempo di dar voce a un ultimo desiderio: ritrovare la sua vera famiglia, a Parigi. E, dopo settanta lunghi anni, di mantenere una promessa. Rose affida questo compito alla giovane Hope, che non ha nulla in mano se non un elenco di nomi e una ricetta: quella dei dolci dal sapore unico e inconfondibile che da anni prepara nella pasticceria che ha ereditato da Rose a Cape Cod. Ma prima di affidarle la sua memoria e la sua promessa, Rose lascia a Hope qualcosa di inatteso confessandole le proprie origini: non è cattolica, come credeva la nipote, ma ebrea. Ed è sopravvissuta all’Olocausto. Hope è sconvolta ma determinata: conosceva l’Olocausto solo attraverso i libri, e mai avrebbe pensato che sua nonna fosse una delle vittime scampate all’eccidio. Per questo, per dare un senso anche al proprio passato, Hope parte per Parigi. Perché è nei vicoli tra Place des Vosges, la sinagoga e la moschea che è nata la promessa di Rose, una promessa che avrà vita finché le stelle saranno in cielo.

Recensione
Dopo aver un po’ tentennato mi sono decisa finalmente a leggere il libro di Kristin Harmel. Questo romanzo mi era stato suggerito da Giusy (la mia amica della ricetta dell’orata :D) che ne era entusiasta, perchè parla di Parigi e delle strade che lei aveva visitato insieme alla sua famiglia, ma questo libro parla anche di altro, racconta del dolore della separazione e di un amore grande e unico, parla di sentimenti e di Olocausto.

Rose ha l’alzheimer, ha poco, pochissimo tempo per riportare nella vita di sua nipote il suo passato e le sue origini, Rose è una sopravvissuta che ha abbandonato la sua famiglia in Francia per sfuggire allo sterminio degli ebrei, porta sulle spalle un fardello enorme, quello di non essere riuscita a salvare i suoi cari ma soprattutto quello di aver perso per sempre Jacob il suo grande amore. Ogni sera Rose cerca nelle stelle coloro che ha perso e in un momento di lucidità chiede a Hope di andare a Parigi e far luce su ciò che è accaduto alla sua famiglia.

Hope sta per toccare il fondo, la sua pasticceria sta fallendo, sua figlia è arrabbiata con il mondo ma soprattutto con lei per il divorzio di cui la accusa e la sua nonnina, la sua Mamie, il suo unico punto saldo si sta perdendo in un mondo fatto di ombre, per questo quando Rose le chiede di andare a Parigi a cercare delle persone di cui nessuno aveva mai sentito parlare, lei non prende la cosa sul serio, ma l’insistenza di sua figlia, l’aiuto di un uomo buono che le vuole bene la spingeranno verso un viaggio alla scoperta di se stessa e di uno dei più grandi drammi del secolo scorso.

Come avrete capito il tema portante del romanzo è l’amore, un amore che viene narrato in mille sfaccettature, un amore doloroso, crudele e spesso colpevole di non aver permesso che le cose andassero diversamente. I personaggi, Rose in particolar modo, sono tracciati con molta delicatezza. Le due protagoniste femminili hanno pregi e difetti comuni a tutti, Rose non è un’eroina è solo una donna che ha cercato di mettersi in salvo a costo di enormi perdite, Hope è a suo modo anch’ella una sopravvissuta, una donna che ha lasciato che le cose accadessero facendo sue le scelte di altri. Ma qualcosa, qualcuno, la storia stessa cambieranno lei e Rose.

Ho già scritto in altro luogo che amo i romanzi che mi fanno piangere e Finchè le stelle saranno in cielo è uno di questi perchè nelle sue pagine, soprattutto quelle finali mi hanno emozionata e dispiaciuta per quello che è accaduto a tanta povera gente durante la seconda guerra mondiale, una sconfitta per l’umanità intera.
Alcuni hanno definito questo romanzo un polpettone melenso, non mi trovano d’accordo, pur rispettando i loro giudizi credo che un libro che riesce a colpire l’animo anche di un solo lettore meriti di essere letto.
Buona lettura
Chicca

Precedente Involtini di melanzane Successivo Vorrei che fosse amore

2 commenti su “Finchè le stelle saranno in cielo

  1. Ho letto questo libro qualche anno fa e devo dirti che mi era piaciuto! Non al punto da emozionarmi così tanto, però mi era davvero piaciuta la storia. E devo dirti che la figura della nonna mi ha intenerita parecchio!

    • librintavola il said:

      Io l’ho letto su suggerimento della mia amica Giusy, lei lo ha adorato ed è piaciuto molto anche a me. Anche io ho apprezzato molto la figura della nonna, una donna coraggiosa che ha fatto delle scelte veramente difficili. Chissà nella realtà quante storie così ci saranno.
      Chicca

Lascia un commento

*