Flawed. Gli imperfetti

Flawed. Gli imperfetti
di Cecelia Ahern

Buongiorno Lettori,
quest’oggi torno tra voi con la recensione di un romanzo distopico per ragazzi. Erano mesi che non mi approcciavo ad una lettura del genere, l’ultima volta se non sbaglio è stata con la trilogia di Ally Condie che avevo recuperato in toto in biblioteca.
Però se considerate che la Ahern è tra le mie autrici preferite e se a questo aggiungete le decine di recensioni positive in rete, va da se che ero davvero curiosa di leggere questo romanzo.
Cosa dite, mi sarà piaciuto?

FlawedDescrizione
In un futuro non molto lontano, in un mondo non molto diverso, il Giudice Crevan conduce una spietata guerra contro l’immoralità. È lui e lui solo a decidere chi sia un cittadino modello, e chi invece sia un Imperfetto, un essere Fallato da marchiare a fuoco con una F sul petto e da allontanare dalla società civile. Celestine ha diciassette anni e non ha mai avuto dubbi sul suo ruolo nel mondo: è una figlia perfetta, una studentessa perfetta, ed è anche una fidanzata perfetta. La fidanzata di Art, figlio del Giudice Crevan. Ma un giorno tutto cambia. Celestine vede un Fallato in fin di vita e sente di doverlo aiutare. D’un tratto tutto ciò che ha sempre ritenuto giusto non lo è più. Perché la compassione è più forte. Più forte della legge e delle rigide regole del Giudice Crevan. Celestine decide quindi di aiutare il pover’uomo e quella decisione cambia la sua vita in un attimo. Allontanata dalla famiglia, arrestata e umiliata, la ragazza viene trascinata in processo davanti a Crevan. E proprio lui, incurante delle suppliche di Art, la condanna a essere incarcerata e marchiata a fuoco come Fallata. Sarà proprio in carcere però che la strada di Celestine incrocerà quella di Carrick Vane, un Fallato misterioso e affascinante. E l’unico amico su cui d’ora in poi Celestine potrà contare.

flawed citRecensione
La perfezione esiste? Celestine 17 anni è un modello di virtù, studentessa di belle speranze, graziosa, ligia alle regole ed al dovere. E’ fidanzata con Art figlio del famoso Giudice Crevan, personaggio di spicco a capo della Gilda che decreta il destino dei suoi concittadini.
Lei è perfetta e ne è consapevole. La sua esistenza scorre sui binari della tranquillità. Celestine si tiene lontana dai Fallati, persone che nella loro vita sono state imperfette, e che per qualche motivo hanno deluso la società. Ogni Fallato ha un marchio di riconoscimento, una F incisa sul corpo, ed è considerato un reietto.
Tutto questo non ha mai toccato la perfetta vita di Celestine, ma un giorno, dopo che la sua vicina di casa ed insegnante di pianforte viene portata via per essere giudicata e marchiata la ragazza comincia davvero a prendere coscienza di quanto sia ingiusto tutto ciò. Sarà proprio lei a dover subire le ire e la cattiveria del giudice Crevan per il solo fatto di aver aiutato un fallato in fin di vita.
Tutto cambia da quel momento, e la vita che conosceva non sarà più la stessa.

Ho cominciato questo libro con un pochino di scetticismo. Non sapevo infatti cosa aspettarmi, questa Ahernahern foto così diversa dal solito proprio non ce la vedevo; una trama così lontana a quelle a cui ci ha abituati in questi anni che per un attimo mi ha fatto dubitare, ma per fortuna la curiosità ha vinto sullo scetticismo e mi sono tuffata nella storia di Celestine con immenso piacere.
Il racconto sebbene non proprio originalissimo è scritto ottimamente, i primi capitoli infatti mi ricordavano molto altri romanzi di questo genere da me letti (Matched tra tutti), però giunti al momento clou, quello della marchiatura atroce che nemmeno il bestiame dovrebbe sopportare, la situazione cambia radicalmente. La protagonista che fino ad allora era una ragazzetta si trasforma e tira fuori le unghie. La Ahern ha svolto un lavoro egregio nel mostrare al lettore la forza e la volontà di Celestine.
Più delle parole, sono i gesti descritti dall’autrice a far la differenza, una carezza attraverso il vetro rende molto più che un ordine urlato, un taglio di capelli ed un cambio radicale di look, strano a dirsi, hanno un impatto visivo molto forte sul lettore.

In alcuni punti il ritmo serrato purtroppo scema, ma poi nel giro di pochissimo riprendere di giri.
Ho scoperto una vena sadica nella Ahern che mi piace e devo ammettere che con questo suo primo lavoro per ragazzi lascia davvero il segno.

E adesso non ci resta che aspettare il prossimo che spero sia davvero come dice il titolo: PERFECT!

Chicca

Precedente Un pomeriggio con Charlotte Link Successivo W…w…w Wednesday #6

8 thoughts on “Flawed. Gli imperfetti

    • librintavola il said:

      Ilenia in realtà è una duologia quindi si concluderà con il secondo libro che a quanto ho letto verrà pubblicato in lingua originale alla fine di quest’anno.

  1. oh sono contenta che anche a te sia piaciuto! Speriamo di non aspettare troppo! Sai chi mi è piaciuto tanto? La mamma, non avrei detto. Ed è piaciuta tanto anche a me l’autrice, ha cambiato genere ma la sua vena sadica è emersa bene

    • librintavola il said:

      si lo avevo letto nella tua recensione che la mamma ti era molto piaciuta. e anche a me ha fatto lo stesso effetto. mamma mia però che sadica la ahern!
      in ogni caso ho letto che la versione in lingua uscirà alla fine di quest’anno. speriamo bene.

  2. Questo libro mi incuriosisce molto perchè conosco l’autrice però sono ancora un pò indecisa, la tua recensiome mi ha messo in chiaro un pò di cose che dovrei aspettarmi (sadica? Davvero? Non l’avrei mai detto di quest’autrice!)

    • librintavola il said:

      ciao Susy, bhe in realtà se pensi a PS I Love you e Scrivimi ancora si può intuire la vena sadica nascosta della ahern, comunque a me il libro è piaciuto molto e te lo consiglio.

Lascia un commento

*