Il muro invisibile

Il muro invisibile

Il muro invisibile
Il muro invisibile

di Harry Bernstein

Descrizione
Harry è un ragazzino di quattro anni, il più piccolo di cinque fratelli. Il padre, un ebreo immigrato dalla Polonia, lavora alle manifatture tessili, sperperando gran parte del suo salario al pub e sfogando sui figli la rabbia per una vita di stenti. La madre manda avanti la famiglia come può, ricorrendo a mille espedienti. La loro povera casa si allinea con altre simili su una strada di ciottoli di una cittadina industriale nel nord dell’Inghilterra. Una strada come tante, ma solo in apparenza, perché al suo centro scorre un muro invisibile: gli ebrei da una parte, i cristiani dall’altra. Due mondi con usanze, credenze, pregiudizi diversi si fronteggiano, quasi non fossero parte di un’unica realtà, quella della miseria. La Prima Guerra Mondiale incombe, e con essa eventi che cambieranno per sempre la vita della famiglia, e quella della strada. Ma solo l’amore contrastato di Lily, la sorella maggiore di Harry, per Arthur, un ragazzo cristiano, sarà in grado di aprire una crepa nel muro, lasciando filtrare un raggio di luce.

Recensione
Questo libro mi è stato regalato qualche anno fa per il mio compleanno, un regalo molto gradito pechè oltre ad essere un libro è un gran bel libro.
Harry Bernstein racconta i suoi ricordi di bambino in modo semplice ma incisivo, ci mostra le differenze tra ebrei e cristiani divisi da un muro invisibile ovvero quel lato di strada dove viveva lui con la sua famiglia, e le case di fronte, dove appunto abitavano i cristiani.
Un’esistenza fatta di pregiudizi nascosti, di sguardi fugaci e di vite completamente diverse ma in un certo qual modo dipendenti l’una dall’altra.
Un libro che ci parla dell’avvicinarsi del secondo conflitto mondiale e dell’amore che sua sorella Lily prova per Arthur, un ragazzo che vive dall’altra parte del muro, ci mostra come una donna, sua madre, cerca di tirare avanti a costo di grandi sacrifici, ci mostra uno spaccato di vita nell’Inghilterra a cavallo tra le due guerre, e quanto brutta fosse la povertà. Una storia vera, commovente, che tocca l’animo di chi legge.
Un libro imperdibile.
Harry Bernstein ha terminato di scrivere Il muro invisibile nel 2004 quando aveva 94 anni, ci ha lasciati qualche anno fa, all’età di 101 anni.
La storia della sua famiglia ha ispirato anche altri due romanzi che io non ho ancora letto, si intitolano Il sogno infinito e Il giardino dorato, devo presto rimediare.

Harry Bernstein
Harry Bernstein
Precedente Carnevale in giallo Successivo Pizza patate e speck

2 commenti su “Il muro invisibile

Lascia un commento

*