Il rumore della pioggia

Il rumore della pioggia
di Gigi Paoli

Buongiorno Lettori,
non trovate sia bellissimo leggere romanzi di autori italiani che ti prendono fin dalle prime pagine?
Ebbene dopo uno strepitoso Lorenzo Marone mi sono accostata a Gigi Paoli ed al suo Il rumore della pioggia restandone completamente folgorata.
Grazie a La Libridinosa per il consiglio davvero molto molto gradito.
E adesso veniamo al dunque e scopriamo qualcosa in più di questo libro.

il-rumore-della-pioggiaDescrizione
Sono ormai alcuni giorni che Firenze è sferzata da una pioggia battente e, come se non bastasse, la visita del presidente israeliano ha completamente paralizzato la città. Carlo Alberto Marchi è intrappolato nella sua auto che da casa lo porta al Palazzo di Giustizia, quando apprende una notizia davvero ghiotta per un cronista di giudiziaria a corto di esclusive: all’alba, in un antico palazzo di via Maggio, la prestigiosa strada degli antiquari, viene trovato morto con ventitré coltellate l’anziano commesso del negozio di antichità religiose più rinomato di Firenze.
Un caso molto interessante anche perché il palazzo è di proprietà della Curia e sopra al negozio ha sede l’Economato. Marchi si mette come un mastino alle calcagna dei magistrati nella speranza di tirar fuori uno scoop e chiudere finalmente la bocca al direttore del Nuovo Giornale. Sempre correndo come un pazzo, intendiamoci, perché a casa c’è Donata, la figlia di dieci anni che inizia a lanciare i primi segnali di un’adolescenza decisamente in anticipo. Ma stavolta conciliare il ruolo di padre single con quello di reporter d’assalto sembra davvero un’impresa disperata: sì, perché c’è tutto un mondo che ruota intorno al delitto di via Maggio e le ipotesi che si affacciano sono sempre più inquietanti. Su tutte, l’ombra della massoneria, che in città è prospera e granitica da secoli. E l’inchiesta corre veloce in una Firenze improvvisamente gotica e oscura.

Recensione
Io adoro i gialli, adoro i noir e stravedo per i thriller ma non mi era mai capitato un libro che avesse come protagonista non un tutore dell’ordine bensì un giornalista.
Carlo Alberto Marchi è infatti un reporter di cronaca giudiziaria ma è al contempo il papà single di una ragazzina che sta entrando nella prima adolescenza. Le sue giornate si dividono tra sua figlia Donata e il lavoro al quotidiano fiorentino Il Nuovo.
Ed è proprio in un giorno di pioggia che durante una delle sue incursioni al palazzo di Giustizia scopre che nel vicino edificio dove si trova l’economato della Curia, in quella via Maggio famosa per chi ama gli articoli di antiquariato, il commesso di uno dei più famosi negozi della strada è stato trovato morto con ben 23 coltellate.
Spinto un po’ dalla sua innata curiosità e molto di più dalla voglia di scrivere un bel pezzo per il suo giornale che ultimamente naviga in cattive acque, Carlo comincia ad interessarsi del delitto di via Maggio addentrandosi tra i corridoi e facendo leva sulle sue amicizie all’interno del palazzo di Giustizia.

Trama accattivante, personaggi tratteggiati come le pennellate di un sapiente pittore e una Firenze bellissima anche sotto la pioggia battente.
Il primo lavoro come scrittore di Gigi Paoli è davvero una perla nel panorama letterario italiano.
L’autore ci racconta attraverso gli occhi di Carlo Alberto l’inchiesta che nasce dal delitto e lo fa con sorprendente simpatia e astuzia. I protagonisti del romanzo hanno tutti un loro fascino, chi un po’ più sciatto e chi invece molto più chic. Ho adorato le battute a raffica tra Donata e suo padre e mi è piaciuta da impazzire l’atmosfera un po’ cupa portata da questa pioggia incessante.
La storia è davvero ricca di particolari e l’intreccio narrativo è stato sapientemente elaborato, mai un errore e per me solo occhi incollati alle pagine.

Spero moltissimo che Gigi regali a noi lettori una nuova storia al più presto perchè adesso che ho scoperto di amare anche i giornalisti, oltre ai detective ed agli investigatori non credo di riuscire ad aspettare troppo a lungo!

Buona lettura,
Chicca

Precedente Cover Reveal - Senza fare rumore Successivo La Lettrice

2 thoughts on “Il rumore della pioggia

  1. Chicca! Questo libro é in attesa, l’ho acquistato appena uscito e non vedo l’ora di leggerlo. Mi affascina molto la figura di questo giornalista di cronaca giudiziaria, una figura nuova per me.

    • librintavola il said:

      Ciao Cuore, anche a me ha affascinato molto. Poi mi è piaciuto come è stato impostato tutto il romanzo e l’iter giudiziario dietro all’inchiesta. Un noir tutto italiano davvero piacevole. Spero di leggere presto la tua recensione.

I commenti sono chiusi.