Il Segno del male

Il Segno del male
di James Patterson

Patterson_IlSegnoDelMale

Descrizione
Alex Cross sta festeggiando il suo compleanno circondato dalle persone più care – i figli, la compagna, il migliore amico – quando una telefonata dal dipartimento di polizia di Washington gli comunica che c’è stato un brutale omicidio. La vittima aveva poco più di vent’anni. Ed è sua nipote, Caroline. Incredulo e profondamente scosso, Cross inizia a indagare sull’accaduto scoprendo presto cose che non avrebbe mai voluto sapere sul conto della figlia di suo fratello: Caroline era coinvolta in un giro di escort e si prostituiva in un club frequentato dagli uomini più facoltosi della Virginia. Uomini potenti e con molti segreti da proteggere. Nel frattempo, alla Casa Bianca comincia a circolare il nome di “Zeus” in relazione ad alcuni casi di sparizioni di giovani donne, e diversi indizi sembrano collegare quel nome anche all’omicidio di Caroline. Ma non tutti vogliono che la verità venga a galla. Cross si ritrova, suo malgrado, a dover fare i conti con il mondo di Caroline, fatto di indivìdui perversi e squallide prestazioni sessuali. Un girone infernale che rischierà di inghiottirlo…

Recensione
Ho terminato di leggere questo libro ieri sera, per questo lo recensisco subito a mente fresca per non dimenticare nulla.
James Patterson è un autore che dire prolifico è seriamente riduttivo, sforna libri su libri a velocità impressionante. Non so perchè ma mi immagino che abbia al suo servizio una folta schiera di dattilografe esperte che scrivano per lui fiumi di parole.
Ma veniamo a questo nuovo romanzo con protagonista il nostro vecchio e caro Alex Cross.
Il giorno del suo compleanno mentre festeggia con la famiglia, Alex, riceve la solita telefonata disturbatrice in cui gli viene riferito che sua nipote è stata barbaramente uccisa da uno sconosciuto.
Ovviamente scende in campo assieme al suo fidato amico Sampson e si mette alla ricerca di Zeus, il mostro che uccide senza alcun rimorso giovani e belle donne che hanno scelto di usare le loro grazie per guadagnare soldi, molti soldi in un club privato, dove si riusciscono personaggi famosi, politici insospettabili e ricconi di ogni genere.
Veniamo ai punti di forza del libro che come al solito sono velocità di dialogo, capitoli brevi, affetto per i personaggi che ormai fanno parte dell’immaginario dei lettori che seguono le vicende di alex Cross dai tempi di Jack & Jill.
E ora le dolenti note. Il tema dei ricchi, soprattutto politici, ammanicati dappertutto è una sceneggiatura vista troppe volte, soprattutto in riferimento a certi personaggi che “librariamente” parlando sono pezzi grossi alla casa bianca. I capitoli sembrano slegati tra loro, non seguono un filo coordinato, troppi nomi con cui si fa confuzione, vita familiare in casa Cross oramai sfruttata troppo per i miei gusti, finale aperto con l’ennesimo ritorno di Kyle Mastermind Graig.
Insomma a mio parere è il momento di mandare in pensine Cross e company quindi se volete leggere qualcosa di Patterson, vi consiglio di andare a cercare i suoi primi romanzi, quelli si che facevano scintille.

Precedente Il gioco delle tre carte Successivo Pasta frolla per Biscotti e Crostate

Lascia un commento

*