La bottega dei sogni smarriti

La bottega dei sogni smarriti
di Beth Hoffman

Descrizione
Ogni mattina Theodora Overman apre i battenti del suo negozietto di antichità nel cuore di Charleston, una deliziosa bottega dove raccoglie oggetti appartenuti ad altri tempi e altre vite, tazzine di porcellana magari un po’ sbreccate, sedie impero con una gamba più corta delle altre e tanti altri pezzi parecchio unici. Oggetti bizzarri e buffi almeno quanto la colorata clientela che frequenta la sua bottega ma, soprattutto, oggetti che hanno bisogno di essere amati di nuovo, di essere coccolati e “aggiustati”. Proprio come il cuore di Teddi…
Perché Teddi, da quando è venuta a Charleston lasciandosi la famiglia e il passato alle spalle, sa che, nella sua vita quasi compiuta, c’è un sogno non ancora realizzato, qualcosa che manca. Come le tazze di porcellana cui si è rotto un pezzetto, a Teddi manca un tassello: suo fratello Josh. Josh, il ragazzino che amava vivere e lasciarsi incantare da tutto, e che un giorno d’estate di molti anni prima è scomparso senza lasciare tracce.
Così, quando le arriva la notizia improvvisa della morte di sua madre, Teddi decide che è il momento di tornare indietro, per poter finalmente abbandonarsi al futuro. Tornare a casa, rivedere i luoghi dove Josh è scomparso, e cercare di ritrovarlo. Riuscirà Teddi a rimettere insieme i pezzi della sua famiglia, e del suo cuore?

Recensione
Perdersi tra le pagine di un libro è un po’ come entrare nella vita degli altri, ci sono storie che ti fanno ridere, altre che invece ti fanno piangere, ci sono episodi che ti lasciano senza parole e momenti in cui si prova una forte empatia per i protagonisti.

nrSWINGLa storia di Teddi Overman fa parte di uno di quei variopinti spaccati di vita che tanto mi piacciono, che catturano come una vecchia istantanea attimi familiari e che mi hanno fatto subito venire in mente uno dei dipinti di Norman Rockwell, infatti nonostante il libro sia ambientato nel presente sono moltissimi i flashback della vita passata della protagonista quando ancora bambina viveva nella fattoria di famiglia assieme ai genitori, alla nonna Belle ed al fratellino Josh.

Teddi è un’antiquaria, compra vecchi mobili, oggetti consumati e quant’altro catturi il suo cuore e dà loro una nuova vita. La sua passione nasce da ragazzina e si sviluppa nel corso degli anni, anni durante i quali sua madre si oppone con forza al suo sogno, lei che preferirebbe per la figlia maggiore una vita da segretaria non riesce ad accettare questo suo mondo fatto di robe vecchie e restauri laboriosi, la chiama rigattiera e si rifiuta di entrare nella vita di Teddi nella lontana Charleston.
Suo padre invece la incoraggia, uomo di guerra sa quanto sia importante quella libertà per cui ha combattuto e vuole che sua figlia sia felice e che riesca a farcela con le sue forze.
E poi c’è Josh, un ragazzino che vive in simbiosi con la natura, ama gli animali e raccoglie piume di uccelli che spesso regala alla sua adorata sorella assieme a piccole ed enigmatiche frasi, quello stesso fratellino che un giorno scompare in quella selva che gli è tanto cara.

La sua scomparsa segnerà profondamente il cuore della famiglia Overman, minerà gli equilibri familiari e resterà sospesa tra loro come qualcosa di perso, svanito e incompleto.

Teddi va avanti con la sua vita e noi lettori l’affianchiamo in un viaggio fatto di momenti felici e altri molto dolorosi, ma tutti in grado di aiutarla a vivere con serenità e speranza ogni istante della sua esistenza.
L’autrice in maniera molto delicata ha saputo cogliere l’essenza di Teddi mostrandola ai nostri occhi in modo tenero e generoso, lei così ottimista e sorridente alla sua nuova vita che pian piano si costruisce da sola.
Una scrittura leggera, scorrevole e sempre affascinante rendono il libro una compagnia ideale per chi ama le storie familiari che uniscono l’amore per gli animali a quello per gli oggetti antichi che la nostra protagonista illumina con il suo magistrale talento.

Chicca

Precedente TAG: I Diritti del Lettore Successivo W…w…w… Wednesday #7

2 commenti su “La bottega dei sogni smarriti

Lascia un commento

*