La distanza tra me e te

La distanza tra me e te
di Lucrezia Scali

Buongiorno Lettori,
siamo agli inizi di quest freddo dicembre e la cosa migliore sarebbe starsene al calduccio sul divano, copertina d’ordinanza, cioccolata calda e un buon libro da leggere. Sembra il paradiso dei lettori vero?
Il libro di cui vi parlerò oggi ho faticato un po’ a recensirlo; a distanza di diversi giorni da quando l’ho finito ancora non so decidermi se mi è piaciuto oppure no. Forse questo romanzo della Scali è uno di quei libri di cui solo tra qualche mese saprò inquadrare per bene.
Ma non perdiamoci in chiacchiere.

la distanza tra me e teDescrizione
Isabel abita a Roma, è poco socievole, precisa e abituata a programmare ogni dettaglio della sua vita, non sopporta le sorprese e non le piace cambiare i suoi piani all’ultimo momento. Andreas vive in un piccolo bilocale a Torino, gestisce l’officina del padre, ama la compagnia, il rischio e l’avventura. Due mondi incompatibili, uniti solo da un particolare: la passione per i cani. Ed è proprio quando li accompagnano a una gara che Isabel e Andreas s’incontrano. Quasi per gioco, iniziano a scriversi su Facebook. All’inizio brevi messaggi, che col tempo diventano frecciatine condite da ironia e malizia. E allora innamorarsi sarà un attimo. Sarebbe tutto perfetto, se non fosse che Isabel è sposata e Andreas è fidanzato. Il racconto di un amore scomodo, capace di usare l’autoironia come arma contundente. Perché il lieto fine, se ci sarà, avrà un prezzo per tutti.

Recensione
Isabel e Andreas sono agli antipodi, lei un po’ snob vive a Roma con un marito quasi assente, salutista e vegetariana ha uno splendido cane di nome Frida. Andreas è di Torino, schietto ed alla mano gestisce un’officina e convive con Regina da qualche tempo ed anche lui come Isabel ha un cane, Ulisse.
I due si “scontrano” ad una gara di agility dog e nonostante l’antipatia inizale cominciano a scambiarsi messaggi via facebook. Isabel grazie ad Andreas imparerà ad essere più libera mentre Andreas scoprirà cosa vuol dire veramente amare una persona.
Ma entrambi sono impegnati e questo sarà di ostacolo alla loro amicizia.

Romanzo spinoso questo della Scali che trovo abbia avuto molto coraggio a scrivere di tradimento soprattutto perchè il personaggio femminile non ha alcuna delle caratteristiche che in genere troviamo nei romance. La scrittura è piacevole e scorrevole, i personaggi ben delineati e come per il suo precedente romanzo la presenza animale la fa da padrone. Ad ogni riga infatti si nota quanto i cani siano una componente luminosa nella storia. Però, come dicevo poc’anzi Isabel è una persona a cui è difficile affezionarsi, altezzosa e antipatica sembra davvero una reginetta del ghiaccio. Chiusa nel suo mondo fatato lontano anni luce dalla vita che viviamo noi comuni mortali non è riuscita a conquistarmi.37
Le sue scelte sono per me inaccettabili, non parlo del tradimento, perchè accidenti siamo umani e anzi il suo amore per Andreas l’ha fatta scendere da quel piedistallo su cui si era poggiata, ma parlo proprio del suo modo di fare ed approcciarsi agli altri.
Andreas che ho trovato più simpatico ha però dalla sua una superficialità di base che viene fuori nel momento in cui decide di farsi avanti con Isabel a scapito di Regina la sua compagna (piagnucolosa aggiungo io!) ma nel complesso più piacevole della ragazza e più nelle mie corde.

Il finale mi ha lasciato un gusto amarognolo perchè in realtà dice tutto ma anche niente. Temo che in questo frangente l’autrice sia stata troppo ermetica e frettolosa nel concludere la storia.

Conto però di rivedere il mio giudizio tra qualche tempo forse forse riuscirò a metabolizzare la storia diversamente.

E voi lo avete letto? Cosa ne pensate di questo libro?
Alla prossima recensione
Chicca

Precedente Il battito del sangue Successivo E' solo una storia d'amore

2 commenti su “La distanza tra me e te

  1. Okay, giuro che ho letto la recensione nel momento stesso in cui mi hai taggata su FB, ma ho avuto solo ora il tempo di commentarle. Perdonami ti prego!
    Mi è venuto da ridere quando mi hai detto che mi dedicavi la recensione ahahahhaah
    Vedo che ci troviamo abbastanza d’accordo, come sempre dopotutto!

    • librintavola il said:

      certo che ti credo!
      sai dopo aver letto la tua di recensione sapevo già che avrei provato le tue stesse identiche emozioni 🙂 chiamala telepatia, affinità libresca, insomma ne ero certa fin da subito.

Lascia un commento

*