La setta dei golosi

La setta dei golosi
di Giuseppe Pederiali

Buongiorno Lettori,
nonostante siamo a dicembre io sono ancora qui impantanata con le recensioni delle letture del mese scorso e continuando di questo passo riuscirò forse a postare tutto solo nel 2017.
Seriamente, ma solo io sono così indietro? Comincio quasi quasi a preoccuparmi!!!
Ma bando alle ciance e tuffiamoci subito nelle atmosfere culinarie descritte da Giuseppe Pederiali.

NULL044154-160x241Descrizione
Da sempre la cucina è la più grande passione di Matilde, una passione tramandata in famiglia: il nonno aveva una trattoria e un avo era un celebre cuoco degli Estensi. Da loro Matilde ha ereditato l’amore per il cibo che prepara, gusta e serve ai suoi clienti dell’Osteria della Fola. La sua vita tranquilla cambia il giorno in cui per caso incontra Jacopo, un vagabondo sbucato come un fantasma dalla nebbia che avvolge Ferrara. Matilde sente di potersi fidare di lui e lo accoglie nel suo ristorante, dove, vedendolo a suo agio tra spezie e tortellini, scopre il suo dono: è un brillante cuoco. Il suo modo di cucinare è unico al mondo. Conosce le più antiche tradizioni culinarie e gli ingredienti perfetti per esaltare ogni manicaretto. I due cominciano a lavorare insieme, per il successo dell’osteria e la felicità di Matilde. Eppure all’improvviso qualcosa minaccia quest’armonia: due amici di Matilde, un noto giornalista-gourmet e un anziano cuoco, muoiono tragicamente dando il via a una macabra serie di delitti orchestrati da un’oscura società segreta. La setta dei Golosi è disposta a tutto per raggiungere il suo scopo: trovare chi custodisce la Sublime ricetta, che secondo la leggenda sa regalare l’immortalità. Nessuno chef è più al sicuro. Perché, come accade nella vita, anche in cucina arriva il momento in cui non è più possibile tenere nascosti i propri segreti. La setta dei Golosi, nuovo romanzo postumo dalla penna inconfondibile di Giuseppe Pederiali, è un piccolo gioiello in cui la protagonista è la cucina con il suo potere salvifico e consolatorio, conviviale e giocoso. La storia di una donna pronta a difendere ciò che ama, e di un segreto che affonda le radici in una storia millenaria affascinante e misteriosa.

Recensione
Una setta segreta di imprenditori legati in qualche modo al cibo e tutti amanti della buona tavola, una ristoratrice che si diletta in indagini, un cuoco misterioso che sembra aver vissuto tante vite e omicidi che si susseguono.
Questi i capisaldi del romanzo di Giuseppe Pederiali che con maestria riesce a tessere una trama che si gusta come un buon piatto casereccio.

Matilde, ristoratrice dell’Osteria della Fola ha da sempre avuto il pallino del cibo, lo si vede dal suo amore per i buoni piatti e dalla sua mole non proprio gracile e di cui va molto fiera. Ma oltre ad amare la cucina, passione ereditata dal nonno, adora lanciarsi nelle indagini che vedono coinvolti personaggi noti nel ferrarese e tutti legati a lei da rispetto e amicizia.
Ma il filo che lega gli omicidi è da ricercare lontano nel tempo, perchè ciò che ha portato alle morti è la scoperta di una sublime ricetta che fa gola alla misteriosa Setta dei golosi.

Potersi tuffare in un’atmosfera tutta italiana così caratteristica è stato davvero appagamente, bella l’ambientazione e molto scorrevole la lettura.
I personaggi sono molto ben descritti e ognuno di loro ha un carattere forte, ben definito ed interessante. Matilde a mio avviso una spanna in più su tutti.
Il passare da un evento all’altro, contrariamente al solito, non mi è dispiaciuto perchè l’autore è riuscito a tenere la mia attenzione sempre alta.

Non voglio dilungarmi in ulteriori particolari ma consigliarvi semplicemente di leggerlo!

Alla prossima
Chicca

Precedente L'incastro (im)perfetto Successivo W…w…w Wednesday #38

Lascia un commento

*