La vetrina degli scrittori #17

La vetrina degli scrittori #17
Licia Oliviero

Buongiorno Lettori,
come state? Io sono alle prese con la mia allergia stagionale quindi come potrete ben immaginare occhi pesti e naso rosso che nemmeno Mastro Ciliegia, fortuna che si tratta di un mesetto di sofferenza poi l’allergia dovrebbe rientrare.

Quest’oggi vorrei presentarvi una autrice molto giovane che ha all’attivo addirittura una trilogia fantasy. Lei è Licia Oliviero, classe 1995.
Il primo dei tre romanzi si intitola La principessa degli elfi del quale troverete di seguito un po’ di notizie.
Titolo: La Principessa degli Elfi

ILa Principessa degli Elfi cover cartaceo 600 x 900SBN ebook: 9786050320756 (edizione digitale, 07 settembre 2014)
ISBN cartaceo: 9788892598379 (edizione cartacea, 30 giugno 2016)
Serie: Trilogia “La Principessa degli Elfi” (“La Principessa degli Elfi”; “La Principessa degli Elfi – La Rivolta”; “La Principessa degli Elfi – La Maledizione”)

Genere: Fantasy
Editore: StreetLib Self Publishing
Pagine: 226 (formato Kindle); 303 (formato cartaceo)
Prezzo ebook: 0,99 €
Prezzo cartaceo: 13,99 €
Formato: ePub, formato Kindle, formato cartaceo
Trama:
Layra ha vissuto i primi dieci anni della sua vita completamente all’oscuro delle sue origini e del suo retaggio, consapevole solo di essere diversa da tutti gli altri, per il diadema azzurro che le cinge la fronte come un tatuaggio.
Quel simbolo la contraddistingue come Principessa degli Elfi della Luce e il suo destino è riscattare il suo popolo dalla tirannia degli Elfi Oscuri, che hanno usurpato il suo trono.

Appena scopre la verità, tuttavia, è rapita dai demoni e, nonostante lei tenti più volte la fuga, solo quattro anni dopo ritrova la libertà. La prigionia l’ha marchiata e la sua fiducia nel prossimo è quasi scomparsa, eppure riuscirà a trovare l’amore e l’amicizia che le resteranno accanto, sebbene il suo destino sia incerto, costellato di tradimenti, fughe e nemici potenti.
Un racconto magico capace di evocare le forze del Bene e del Male sovrane del destino di ognuno di noi.

Link d’acquisto:

Kobobooks (ebook): https://store.kobobooks.com/it-it/ebook/la-principessa-degli-elfi
Google play (ebook): https://play.google.com/store/books/details/Licia_Oliviero_La_Principessa_degli_Elfi?id=tstxBAAAQBAJ&hl=it
Amazon (ebook e cartaceo): http://www.amazon.it/Principessa-degli-Elfi-Licia-Oliviero-ebook/dp/B00NE78ZDU/ref=sr_1_3?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1441647748&sr=1-3

Dati Autore:
Licia Oliviero è nata a Torre del Greco nel 1995. Nel 2014 ha conseguito la maturità Scientifica con il massimo dei voti e si è iscritta alla facoltà di Lettere Moderne.

Ha da sempre una fervida immaginazione e una predilezione per tutto ciò che appartiene al mondo della fantasia. Considera la lettura un bisogno primario, adora perdersi nei mondi di carta e inchiostro. L’amore per la scrittura deriva direttamente da queste passioni, scrivere è stato inizialmente il mezzo per dare sfogo alla fantasia, mentre adesso è una necessità, capace di rapirla anche per giornate intere.

Il suo esordio letterario è stato “La Principessa degli Elfi”, seguito da “La Principessa degli Elfi – La Rivolta”. La sua ultima pubblicazione, “La Principessa degli Elfi – La Maledizione”, è il volume conclusivo della trilogia fantasy.

Breve intervista

Ciao Licia benvenuta su Librintavola,
ti va di raccontarci qualcosa su di te? Oltre a scrivere cosa fai di bello nella vita?

Ciao Chicca, è un piacere essere qui sul tuo blog, ti ringrazio di cuore! Non mi piace molto parlare di me, ma vediamo cosa posso dirti… ho ventun anni e al momento studio Lettere Moderne all’Università Federico II. Amo leggere, ovviamente, e sognare a occhi aperti, meglio se su una spiaggia con il suono delle onde del mare, oppure davanti al mio portatile, con un po’ di musica.

Quando hai deciso di diventare scrittrice?

Non è stata propriamente una “decisione”, nel senso che non ho premeditato nulla. Avevo dodici anni, ero in montagna, d’estate e forse un po’ mi annoiavo: un giorno iniziai a scrivere, per gioco e per far passare il tempo. Da allora non ho più smesso. Scrivere è qualcosa che mi fa stare bene, è un impulso irrefrenabile e allo stesso tempo assolutamente naturale. Io non ho deciso nulla, è semplicemente una parte di me.Citazione La Principessa degli Elfi (vol. 1)

Da dove nasce l’idea di questa trilogia?

All’inizio non avevo idea che sarebbe stata una trilogia, non ero nemmeno certa che ne avrei tratto una storia. Una mattina, nel dormiveglia, immaginai un dialogo tra alcuni personaggi e, come faccio sempre, lo appuntai. Continuavano a venirmi in mente nuovi dettagli, scene, dialoghi e nomi, ed io potevo solamente trascriverli, seguendo la storia che si stava sviluppando pian piano. Oggi credo di poter dire che l’intera trilogia si sia quasi scritta da sola.

Dove hai trovato l’ispirazione per delineare il personaggio di Layra? C’è qualcosa di te stessa in lei?

Il personaggio di Layra, come molti altri, è nato e si è sviluppato da sé. Credo che l’ispirazione non sia arrivata da una singola fonte, ma da ogni elemento che abbia caratterizzato la mia vita e mi abbia emozionato. Se c’è qualcosa di me, in Layra, probabilmente è la testardaggine: non importa quanto le difficoltà sembrino insormontabili e gli obiettivi da raggiungere impossibili, finché c’è una speranza anche infinitesimale di riuscita, occorre tentare.

Ti è mai capitato di incontrare persone fisicamente somiglianti ai personaggi del tuo libro?

Non so proprio cosa risponderti… Probabilmente la risposta si trova nel mezzo, ossia non ho mai incontrato persone totalmente somiglianti ai miei personaggi, ma probabilmente ne ho incontrate alcune con delle caratteristiche che possono avermi ispirato o avermi ricordato i miei personaggi.

Qual è stata la prima persona a cui hai fatto leggere il tuo romanzo e quale è stata la sua reazione?

Devo dire che inizialmente non avevo nessuna intenzione di far leggere a qualcuno le mie storie, un po’ per timidezza, un po’ perché le percepivo come qualcosa di soltanto mio. Un giorno però ne parlai a una mia cuginetta e decisi di farlo leggere a lei perché come me ama la lettura e il genere fantasy e, soprattutto, mi aveva promesso un’opinione sincera. Fu il suo giudizio positivo a incoraggiarmi e a spingermi a parlarne anche ad altri.

Ancora un’ultima domanda per te e poi metterò a tacere la mia curiosità. Sei già al lavoro su un altro romanzo e se si puoi darci qualche anticipazione?

Come ho scritto poco fa, amo sognare a occhi aperti e la conseguenza principale è che mi ritrovo spessissimo a iniziare nuove storie: il più delle volte restano in attesa anche per mesi, poi arriva l’ispirazione (a cui non importa se devo studiare per un esame) e allora le riprendo in mano.
Al momento il progetto a cui mi sto dedicando di più e che per primo potrei concludere è un urban fantasy con sfumature un po’ dark e un po’ apocalittiche. Un mondo che ha sempre più contatti con gli Inferi, una protagonista che non crede al destino già scritto, soprattutto quando tutti sembrano convinti che lei sia una predestinata. Non mi sbilancio oltre, anche perché, ripeto, mi rivolgo là dove mi porta l’ispirazione.

Prima di concludere il post, voglio ringraziare nuovamente Licia Oliviero per essere stata mia ospite e vi lascio un po’ di link dove poter trovare qualche altra notizia interessante sia su di lei che sul suo lavoro:

Sito web: http://laprincipessadeglielfi.weebly.com/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/LiciaOliviero

Google +: https://plus.google.com/+LiciaOliviero

Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=W72p9osIgRU

Goodreads https://www.goodreads.com/book/show/23843567-la-principessa-degli-elfi

Anobii: http://www.anobii.com/books/La_principessa_degli_elfi/9786050320756/0175802dd5eb83eda5

E ricordate sosteniamo i nostri giovani scrittori!

Alla prossima.
Chicca

PS
Per le immagini si ringrazia nuovamente Licia Oliviero

Precedente Le strane logiche dell'amore Successivo Le sfide di Apollo #1

4 thoughts on “La vetrina degli scrittori #17

    • librintavola il said:

      m grazie mille! ci tengo particolarmente sai? mi piace molto interagire con gli autori, parlare con loro e sentire di come creano un libro e del loro approccio all’editoria.

Lascia un commento

*