La Vetrina degli Scrittori #20 – Roberta Trischitta

La Vetrina degli Scrittori #20
Roberta Trischitta

Bentrovati Lettori carissimi,
che felicità poter ospitare ancora una volta nel mio angolo di web un’autrice emergente!
Quest’oggi è qui con noi Roberta Trischitta che viene a presentarci il suo ultimo lavoro The Family Business – La profezia.

Roberta è nata in Calabria nel Marzo del 1988. Ama leggere da quando ha più o meno dodici anni, scrivere da un po’ più tardi. Ama le serie tv, il cinema e la musica che fa da sottofondo a tutto ciò che scrive. Ama anche la moda e crea per i suoi personaggi – quelli femminili perlopiù – outfit per ogni occasione di cui scrive nei capitoli. Collabora da un anno come recensore con il sito letterario Leggere a Colori ma di mestiere fa la segretaria in uno studio legale. Ha pubblicato il suo primo libro dal titolo Come un albero spoglio con la casa editrice 0111 Edizioni nel 2014, il secondo dal titolo Cala il sipario – L’amore bolle in pentola con Amazon nel 2016 e precedentemente ha partecipato con un brano ad una antologia di autori vari pubblicata da Leone Editore e dal titolo Ti volevo dire…
The Family Business – La profezia è il suo terzo romanzo.
Vivi e lascia vivere è il suo motto!
Ed ecco un po’ di notizie sul libro.

provacoverTitolo: The Family Business – La profezia
Autore: Roberta Trischitta
Editore: Autopubblicato con Amazon
Prezzo: 2,99 € ebook – 11,44 € cartaceo
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 372 (cartaceo) 224 (ebook)

Trama: Allison Marie Morgan ha un passato ingombrante ed un presente difficile. Al futuro nemmeno ci pensa perchè, a causa del suo “lavoro”, dubita che ne avrà uno. Allison è infatti una cacciatrice del soprannaturale; una temuta ma giusta. Quando la felicità che credeva impossibile busserà alla sua porta, avrà il volto bello ed elegante del primo vampiro della storia; il millenario e potente Alpha Joseph Baxter. L’ombra di un’antica profezia però rischia di oscurare quel sentimento rendendolo più difficile di quanto già non sia.

Roberta ci racconta:
Il personaggio principale della storia è nato nella mia mente molti anni fa. Una cacciatrice del soprannaturale su cui ho iniziato a scrivere fanfiction. Siccome io AMO le serie tv prima l’ho inserita nel telefilm Supernatural, poi negli ultimi tre anni anche in The Originals, Constantine, The Vampire Diaries.
Principalmente le fanfiction le scrivo su EFP e Wattpad e siccome questo personaggio aveva successo tra i lettori ho deciso di scrivere un romanzo su di lei e così è nato The Family Business. Un omaggio ai miei telefilm preferiti.

Link utili
Acquisto: https://www.amazon.it/Family-Business-profezia-Roberta-Trischitta/dp/1539834530/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1478704841&sr=8-2

LIBRILANDIA: http://librilandia88.blogspot.it/?m=0

WATTPAD: https://www.wattpad.com/user/robigna88

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/p/BMD6Mt9jh2E/

TWITTER: https://twitter.com/iamenough_rt

EFP: http://www.efpfanfic.net/viewuser.php?uid=62768

GOOGLE +: https://plus.google.com/104856520852808946455

Breve intervista

Ciao Roberta,
benvenuta su Librintavola e grazie mille per aver accettato di partecipare a questa breve
intervista.

Ti va di parlarci un po’ del tuo amore per la scrittura? Da dove nasce?

Ciao a tutti e grazie per avermi invitata per questa piccola intervista. Il mio amore per scrittura nasce più o meno quando avevo diciassette anni circa, quindi una decina di anni fa. A quel tempo iniziavano ad andare di moda le fanfiction (o forse le ho scoperte solo io allora) e così ho deciso di provare a scriverne una. La prima in assoluto che ho scritto è stata una fanfiction sul telefilm Supernatural e da lì non mi sono più fermata. Poi, qualche anno dopo, lessi di un concorso indetto da Mondadori, se non sbaglio si chiamava What Women Write e partecipai con un libro che, a leggerlo ora, non sembra nemmeno scritto da me e che quasi quasi mi fa “tenerezza”. Dopo questo concorso in cui però non arrivai da nessuna parte, ho deciso che oltre alle fanfiction mi piaceva scrivere anche libri veri e propri e così pian piano ho cercato di perfezionare la scrittura e ho lasciato libero sfogo alle idee e alla fantasia.

Visto che sei anche una lettrice, ti va di svelarci quali sono i tuoi autori preferiti?

I miei autori preferiti sono moltissimi. Di alcuni mi piacciono tutti i libri, di altri alcune opere non mi hanno convinta. Il primo di cui mi sono innamorata è stato Paulo Coelho con L’alchimista, poi nel corso degli anni si sono aggiunti Nicolas Barreau – di cui ho letto proprio tutto –, Alessandro Baricco, Massimo Gramellini e tanti altri. Ma direi che questi quattro sono i miei preferiti. Mi piace molto anche Luis Sepúlveda.

E invece quelli che non leggeresti mai?

Non so perché ma ho sempre avuto grandi difficoltà nella lettura dei gialli e dei thriller. Ne ho letti alcuni e uno o due mi sono anche piaciuti ma solitamente è un genere che non amo molto. Quelli che proprio invece non riesco a farmi piacere, senza nessuna eccezione, sono gli Young Adult come ad esempio la serie After.

Allison Marie Morgan è la protagonista del tuo romanzo, a chi ti sei ispirata per tratteggiare il suo carattere?

Allison Marie è la donna che io avrei voluto essere se mi fossi trovata in un mondo soprannaturale; è bella, elegante e forte ma soprattutto è giusta e leale. È una donna che non si fa mettere i piedi in testa ma è anche molto generosa e amorevole con le persone che ama. Riesce a indossare diversi vestiti a livello caratteriale: è la donna dolce in cerca di amore ma anche la donna che indossa un giubbino di pelle e rimette in riga chi le manca di rispetto. Mai damigella in pericolo però. In più ha uno spiccato senso della giustizia e della famiglia di cui lei ha un concetto molto ampio. Ha subito un grave torto dal sangue del suo sangue e nel corso degli anni ha capito che famiglia non è solo quella in cui nasci ma anche quella che ti crei strada facendo; gli amici, a volte in qualche strano modo anche le persone che incontri e che sono solo di passaggio. Fanno tutte parte della sua storia e lei apprezza ognuno di loro e ogni momento.

E invece per quanto riguarda l’aspetto esteriore?

Per quanto riguarda l’aspetto esteriore Allison nella mia mente ha sempre avuto le sembianze di un’attrice americana che in realtà è la mia musa per tutti i personaggi femminili dei miei libri; si chiama Sophia Bush.

C’è qualcosa di te stessa in lei?

Di me in Allison c’è la testardaggine, la curiosità, l’amore per il Natale e la paura per i piccioni anche se in questo libro non se ne fa menzione… sì, è imbarazzante ma è vero xD

Ti va di fare un gioco? Assegna un colore ai personaggi del tuo libro e spiegaci il motivo!

Ci sono molti personaggi in questo libro, molte comparse diciamo, quindi mi limiterò ad assegnare un colore solo ai personaggi principali altrimenti ci vorrebbe troppo tempo e troppi colori.
Allison è senza dubbio un mix di molti colori essendo multi sfaccettata: il rosso per il suo essere appassionata nella vita, il giallo per il suo sorriso, il verde per il suo non voler mai perdere la speranza, il nero per la sua parte cupa e triste che ogni tanto viene fuori.
Joseph è invece un rosso cremisi: tendente al violaceo per il suo enorme senso di responsabilità. È il vampiro Alpha, da lui sono nati tutti gli altri vampiri e non tutti hanno seguito una retta via. Molti sono diventati violenti e hanno ucciso e molti è stato proprio lui a fermarli. Joseph ha trasformato per lo più gente che secondo lui meritava una seconda possibilità, una seconda vita perché la prima era stata “ingiusta” con loro e ha provato ad insegnare a tutti i suoi “figli” il modo giusto di essere un vampiro. Con alcuni non ci è riuscito e questo per lui è il fallimento più grande quindi a volte tende ad incupirsi ancora di più rispetto al normale. L’altra parte di sé invece, quella protettiva e dolce che tira fuori con Allison è la sfumatura vivace del cremisi. Allison sa leggergli dentro e lui sa che può fidarsi ciecamente di lei quindi con la sua bella cacciatrice (lui la definisce così a volte) si sente in pace.
Ryan è invece color ocra; giallo perché nonostante tutto il male vissuto riesce ad essere sarcastico e positivo il più delle volte, marrone perché anche lui ha i suoi demoni.
Belinda è senza dubbio un rosso fuoco: passionale ed impulsiva. Sicura di sé quanto basta.
Jonas è un arancione, un’esplosione di allegria e positività in una realtà che di allegro ha poco.
Oliver è color magenta perché ha la stessa dose di oscurità e luce dentro di sé. Come Ryan non ha avuto una vita facile.
E infine c’è Victor che è la figura paterna per Allison. Victor è un bel blu: diplomatico e paterno appunto.

Qual è stata la prima persona a cui hai fatto leggere il tuo romanzo e quale è stata la sua reazione?

La prima persona a cui ho fatto leggere il romanzo è stata la mia amica Aida, anche lei scrittrice e molto brava aggiungerei. La sua reazione è stata, e quoto, di sorpresa e ammirazione perché sai costruire le scene e i dialoghi come solo nei film e nelle serie tv fanno. Lei mi supporta sempre, siamo fan l’una dell’altra. Il suo primo libro si chiama Prima di noi, lo trovate su Amazon. Ve lo consiglio vivamente.

Scriverai ancora di Allison Marie Morgan oppure questo romanzo sarà un autoconclusivo?

Mi piacerebbe scrivere ancora di Allison, amo questo personaggio e quindi non escludo la possibilità di scrivere un altro libro su di lei, anche se non per forza un sequel. Ho sempre avuto in mente per questo personaggio una serie un po’ come Montalbano: tanti libri ma ogni libro un caso a sé.

Hai già in cantiere un nuovo lavoro? Ti va di darci un’anticipazione?

Ho sempre in cantiere un nuovo lavoro. Al momento in realtà ho già due libri finiti, storie totalmente diverse da questa e dal genere fantasy. Uno parla di famiglia ed abbandono, un fratello e una sorella (gemelli), realizzati e di successo che si trovano ad affrontare alcuni “fantasmi” del passato. L’altro parla di rinascita, la rinascita di una giovane madre dopo una grave perdita. Vi farò sapere quando usciranno.

Cara Roberta, eccoci giunti alla fine dell’intervista, spero tu ti sia divertita in mia compagnia e ti aspetto ancora qui su Librintavola per presentare i tuoi prossimi romanzi o anche semplicemente per fare due chiacchiere!

Cari Lettori, come sempre Sosteniamo i nostri autori!!!

a presto Chicca

Precedente Segnalazioni di Novembre - Parte I Successivo Dreamology

4 commenti su “La Vetrina degli Scrittori #20 – Roberta Trischitta

Lascia un commento

*