Lieve come un respiro

Lieve come un respiro

Cari Lettori,
con la recensione di oggi si conclude la trilogia, e anche il Gruppo di Lettura, della Serie The Dark Elements scritta da Jennifer Armentrout.
Mi sono divertita moltissimo a partecipare sia per le persone che insieme a me hanno letto il libro sia per i commenti e le battute che ci siamo scambiate tra di noi.
La trilogia è nel complesso carina, godibile, ma a mio avviso più divertente se letta in compagnia.
Detto questo ecco la mia recensione del romanzo.

Titolo: Lieve come un respiro – The dark elements #3
Autore: Jennifer Armentrout
Editore: Harper Collins

Sinossi
Ogni decisione porta con sé delle conseguenze, è un fatto. Ma le scelte che si trova ad affrontare la diciassettenne Layla sono più difficili del normale. Luce o tenebra? Il sexy e pericoloso Principe degli Inferi Roth, oppure Zayne, lo splendido Guardiano che lei non avrebbe mai sperato di poter avere? A quale parte del proprio cuore dare ascolto? Layla, poi, ha un altro problema: è stato liberato un Lilin, un demone tra i più terribili, che sta portando devastazione nella vita di tutti quelli che la circondano, compreso il suo migliore amico Sam. Per risparmiargli una fine di gran lunga peggiore della morte, lei deve scendere a patti col nemico, mentre tenta di salvare la città, e tutta la sua specie, dalla distruzione. Divisa tra due mondi e due amori, Layla non ha certezze, nemmeno quella di sopravvivere, soprattutto quando un antico accordo torna a incombere su tutti loro. Ma a volte, quando sembra che la verità non esista, è il momento di dare ascolto al proprio cuore, schierarsi e combattere fino all’ultimo respiro.

Altri romanzi della serie
Dolce come il miele – Novella Prequel
Caldo come il fuoco – The dark elements #1
Freddo come la pietra – The dark elements #2

Recensione
In questo ultimo romanzo accadono moltissime cose. Tutto ciò che abbiamo letto nei precedenti volumi viene portato a compimento a partire dai sentimenti della protagonista che si trova a scegliere tra i due amori della sua vita, fino ad arrivare allo scontro con il Lilin.
Il romanzo procede sulla stessa riga dei primi due libri, Layla è ancora immatura, una ragazzina, e ad ogni pagina si vede quanto siano difficili le scelte che viene chiamata a compiere.
Non subisce una grande maturazione, o almeno io non l’ho vista però rimane coerente con il suo personaggio, buono fino all’osso nonostante la sua parte demoniaca.
Continuo a sostenere che il mio preferito sia Cayman, il demone amico di Roth, seguito a ruota da Bambi, il famiglio del principe.

La storia è scorrevole, le pagine volano davvero ma non ho trovato quel guizzo in più che avrebbe reso il romanzo più divertente. Roth ad esempio lo volevo più cattivo e anche una certa morte è avvenuta a mio parere troppo in fretta.
Sicuramente la zia Arme ha confezionato un buon prodotto, che unisce fantasy, romance e una notevole influenza Young-Adult, infatti credo che una trilogia del genere possa essere molto affascinante per un pubblico giovane.

Alcune scelte che ha fatto non mi sono piaciute, altre invece le ho trovate molto carine – Triste ad esempio è una delle note positive del libro – oltre ad essere inquietante al punto giusto ha un’ironia di fondo che mi ha fatta ridere di gusto.

Il finale è sottotono, a parte una scena molto commovente che mi ha scaldato il cuore, e chiude in maniera tiepida il romanzo.
Direi che è stata una lettura gradevole ma che poteva dare di più.

Chicca

4 Risposte a “Lieve come un respiro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.