Tutto ma non il mio tailleur

Tutto ma non il mio tailleur
di Cecile Bertod

Ci siamo è venerdì, cosa si fa nel weekend? Si esce, ci si diverte e si legge.
Per trascorrere qualche ora in allegra compagnia vi propongo un romanzo leggero e divertente. A voi la recensione.

Descrizione
Trudy Watts ha tutto quello che ha sempre sognato: un lavoro in banca che la soddisfa, un ragazzo fantastico e un appartamento in una delle zone più alla moda di Londra. Non cambierebbe nulla, neanche gli orari impossibili in ufficio. Dopo sei anni dalla sua assunzione, quando ormai sembra stia per arrivare la tanto attesa promozione e il suo matrimonio con Horace è vicino ecco che la catastrofe le piomba addosso. Trudy viene trasferita in una sperduta cittadina della Scozia. L’arrivo è traumatico: detesta tutto e tutti e desidera solo scappare via. L’unico luogo in cui rifugiarsi è un piccolo pub, il cui giovane proprietario si diverte non poco a punzecchiarla. Ed è proprio lì che forse, improvvisamente, la sua vita cambierà…

Recensione
Lasciare Londra per un buco di paese in Scozia è quanto di peggio possa accadere ad una donna in carriera come Trudy Watts, se poi si aggiunge un matrimonio saltato e un fidanzato fedigrafo il quadro che ne vien fuori non è dei più idilliaci, ma Trudy grazie ad una forte dose di ironia mista a sarcasmo stringe i denti e prende di petto la situazione destreggiandosi come un’acrobata tra inviti del comitato cittadino, un barista sexy che la marca ad uomo e i suoi dipendenti che la guardano come fosse la strega dell’ovest.

Ritroviamo una Cecile Bertod in forma smagliante con la sua solita arguzia e ironia.
Il romanzo è fresco, divertente e intrattiene grazie ad una storia accattivante – anche se forse un po’ troppo simile al libro della Premoli Un giorno perfetto per innamorarsi – che vede una protagonista un po’ freddina ma con la risposta sempre pronta e un animo in carriera che ho apprezzato.

Irriverente quanto basta ma coerente con se stessa dalla prima all’ultima pagina, Trudy è stata di sicuro il personaggio che più di tutti mi è piaciuto nel libro assieme alla sua versione più anziana Mary Angela Cox. La lettura scorre veloce grazie alle battute a raffica che continuamente troviamo nei dialoghi e così mi son trovata all’ultima pagina in men che non si dica.
Sorrisi assicurati e rassicuranti per un romanzo piacevole adatto a chi ama questo genere frizzante e romantico.

A presto
Chicca

Precedente Il mistero della gazza ladra Successivo 4 Chiacchiere con Amanda Reynolds

4 thoughts on “Tutto ma non il mio tailleur

  1. Questo l’avevo sempre snobbato, non avevo neanche guardato chi fosse l’autrice! Ma dopo aver letto la tua recensione mi rendo conto dell’errore!! ;P
    Spero di riuscire a leggerlo, prima o poi 🙂

  2. Ciao Chicca
    Io qui ho detestato profondamente la protagonista e proprio a causa sua, la mia valutazione è stata bassa. Di questa stessa autrice ho adorato Ti amo ma non posso che credo sia il suo più bello

    • librintavola il said:

      ecco vedi 😀 io invece ti amo ma non posso non l’ho apprezzato, invece trovo che il suo migliore sia Non mi piaci ma ti amo.

Lascia un commento

*