Otto volante

Otto volante
di Janet Evanovich

In questo mese parecchio strano dal punto di vista atmosferico, uno dei miei compiti era recuperare un libro che avesse nel titolo un numero che mi serviva assolutamente come bonus per una delle challenge a cui partecipo. Sbirciando tra gli scaffali della biblioteca alla sezione gialli e affini mi sono trovata davanti proprio Otto volante e conoscendo già l’autrice non ci ho pensato un secondo di troppo e in men che non si dica l’ho portato a casa, letto e amato!

Descrizione
Stephanie Plum, cacciatrice di taglie di Trenton, New Jersey, non può certo lamentarsi. Ultimamente il lavoro non le manca, e le sue giornate sono a dir poco movimentate. Oltre ai casi consueti che le passa il viscido cugino Vinnie, capo dell’agenzia, questa volta deve occuparsi di una complicata vicenda di scomparsa: una madre e la sua bambina sono sparite senza lasciare traccia. Certo, cercare le persone scomparse non sarebbe compito di Stephanie, ma le due sono la figlia e la nipote di una cara amica di nonna Mazur, e non si può certo dire di no alla cara e insistente vecchietta… Anche se questo significa subire una serie di minacce nemmeno tanto sottili da parte di Eddie Abruzzi, elegante quanto temuto esponente della malavita locale, collezionista di cimeli di guerra e noto per la sua crudeltà. Affiancata come sempre dalla fidata Lula, vistosa ex prostituta dai modi piuttosto spicci e dall’appetito incontenibile, in poche ore Steph riesce a collezionare svariate auto distrutte dalle fiamme, aggressioni e cadaveri segati a metà sul divano di casa, rocambolesche e infruttuose catture di pregiudicati. Peraltro, restando rigorosamente fedele alla propria dieta a base di pizza, spuntini e snack ipercalorici. Per non parlare del fronte sentimentale, che vede l’eterno fidanzato e agente di polizia Joe Morelli sempre più incalzato dal ben tenebroso Ranger…

Recensione
Se volete divertirvi, ridere e appassionarvi, il tutto condito con un pizzico di adrenalina la Evanovich è l’autrice giusta per voi. Ed anche per me!
La Gazzola scrive che i suoi libri sono un antidepressivo naturale ed io confermo perchè leggere le avventure ai limiti del folle di Stephanie Plum, la cacciatrice di taglie più simpatica dell’universo, mi mette davvero di buon umore.
Stavolta la nostra protagonista oltre a dover recuperare due personaggi bislacchi per conto di Vinnie, suo cugino nonchè datore di lavoro, sarà alle prese con la scomparsa di una donna e della sua bambina nipoti di una vicina di casa dei suoi familiari.
Questa ricerca però la porterà a stretto contatto con un boss locale che le sguinzaglierà alle calcagna dei tipi loschi che metteranno in pericolo la sua vita.
Per fortuna a vegliare su di lei ci sono come sempre il misterioso e sexy Ranger e il poliziotto figo Joe Morelli e qui partono gli sventolii di ventaglio perchè cavoli davvero tra i due non saprei chi preferire!

Il romanzo è divertente e folle non solo per la storia in se ma in particolare per i personaggi che caratterizzano tutta la vicenda. Se conoscete già precedenti volumi della serie allora sapete di cosa parlo, se invece ne siete all’oscuro sappiate che oltre ai su citati bei maschioni attorno a Stephanie si aggirano tantissimi personaggi memorabili. Prime tra tutte sua nonna, un donnino di quelli che vi raccomando, e Lula sua amica/collega che la segue ovunque.
La Evanovich ha uno stile schietto, i dialoghi sono coloriti ma mai volgari e io adoro il modo in cui tiene banco con il triangolo amoroso tra Stephanie, Joe e Ranger, ma io la capisco sono tutti fantastici quindi perchè scegliere se poi Step può praticamente averli entrambi! 😀

Temo di aver lasciato passare troppo tempo dal nostro ultimo incontro e devo assolutamente recuperare gli altri suoi libri anche se li ho sempre letti in maniera del tutto errata perchè non ho mai seguito la serie nel giusto ordine.

Pazienza, l’importante in questo caso è continuare a far da spettatrice alle storie della cittadina di Trenton.

Buona lettura
Chicca

Precedente Questa volta Leggo #4 Successivo Causa di morte: sconosciuta

4 commenti su “Otto volante

Lascia un commento

*