Recap Novembre 2017

Recap Novembre 2017

Cari Lettori,
Novembre quest’oggi chiude i battenti per lasciar posto al mese più festaiolo dell’anno, tutto lucine, regali e fuochi d’artificio.
Come saprete in questi giorni non sono particolarmente in forma, anzi diciamolo chiaramente, sto proprio una schifezza e ho dovuto mio malgrado mettere un po’ a riposo il blog rispetto al solito. Però racimolando le poche forze a disposizione ho cercato di abbozare almeno un riepilogo mensile decente.
Come noterete non è andata benissimo, Novembre è stato un mese molto intenso, praticamente trascorso in giro per scuole, al lavoro e dedicando poco tempo alla lettura.
Ma vediamo un po’ cosa sono riuscita a concludere:

Il caffè dei piccoli miracoli di N. Barreau
Prima che sia domani C. Swatman
Il mistero di abbacuada di G. Zucca 
Warmhole A. Nemes

Non basta dirmi ti amo di D. Volontè 
La vita che hai sognato di J. Moyes
Un disastro perfetto di J. McGuire
La rilegatrice di storie perdute di C. Caboni

 

Libro più bello del mese sicuramente La rilegatrice di storie perdute di cui purtroppo ancora non sono riuscita a scrivere la recensione.
Mentre per il flop ahimè devo dirvi che Il caffè dei piccoli miracoli è stato altamente deludente, tanto che ne sconsiglio assolutamente la lettura.

Spero che il vostro mese libroso sia stato più proficuo, e meno raffreddato del mio, vi do appuntamento a domani con una sopresona, non mancate perchè so che piacerà moltissimo!

Chicca

Precedente Un disastro perfetto Successivo Libravvento - Presentazione

4 commenti su “Recap Novembre 2017

  1. Beth Book il said:

    Non ho letto nessuno di questi, ma vorrei dare una possibilità a Cristina Caboni prima o poi, invece anche io ho letto qualcosa della Moyes, la raccolta Tredici giorni con John C. e altri racconti. un volume carino, ma nulla di eccezionale. Ti auguro un buonissimo Dicembre!

    • librintavola il said:

      quest’ultimo della Caboni è davvero bello. Quello precedente invece mi aveva delusa ed ero molto titubante nel rileggerla e invece si è dimostrata una splendida idea!

Lascia un commento

*