Svegliami quando tutto sarà finito

Svegliami quando tutto sarà finito
di Robyn Schneider

Svegliami quando tutto sarà finitoDescrizione
Latham House è uno strano posto per incontrarsi. Un tempo era un collegio tra i boschi, ma oggi è tutta un’altra cosa. Dove una volta si raccoglievano studenti da ogni angolo degli Stati Uniti, ora vivono sotto stretto controllo medico oltre un centinaio di giovani affetti da una forma particolarmente grave di tubercolosi. Qui, lontani dal resto del mondo, i ragazzi trascorrono i giorni in perenne attesa, nella speranza di guarire e tornare dalle loro famiglie, dai loro amici, alle loro vite. È una specie di vacanza forzata, ma Lane, il nuovo arrivato, proprio non vuole saperne: ha dei progetti per il futuro e la malattia è solo un ostacolo tra lui e lo studio. Ma quando si accorge che il suo fisico non gli permette di restare la notte piegato sui libri, capisce che ci sono cose più importanti. In mensa ha notato un eccentrico gruppo di amici: Marina, una nerd con il pallino del teatro; Charlie, uno scherzoso cantautore in erba; Nick, una miniera di battute taglienti; e infine Sadie, un’aspirante fotografa con la quale condivide un vecchio, imbarazzante ricordo. Lane vuole essere uno di loro. E, soprattutto, vuole ricucire il rapporto con Sadie, incrinatosi un’estate di qualche anno prima…

Recensione
TBC TRF questo l’acronimo per indicare un tipo di tubercolosi particolarmente forte alla quale nessuno ancora ha trovato rimedio. Alla Latham House che in un tempo che fu era un collegio nascosto tra i boschi vivono un folto gruppo di ragazzi, sotto stretta sorveglianza medica in attesa di guarigione – o di morte – per poter un giorno ritornare dalle loro famiglie.

Lane ha grandi ambizioni, è uno studente modello che ha basato la sua vita di 17enne in funzione di quello che sarà il suo futuro, una prestigiosa università prima ed un ottimo lavoro poi. Ma le cose cambiano quandosotto_bosco confinato alla Latham si accorge che il suo fisico non riesce più a reggere i ritmi di una volta. Tutto cambia per lui e ciò che un tempo era la sua ragione di vita passa in secondo piano, perchè il suo animo di adolescente si fa largo, Lane non vuole vivere in attesa di una guarigione che forse non verrà mai, vuole vivere il presente e questo presente è un gruppo di ragazzi che ogni giorno osserva da lontano.
C’è Charlie, musicista silenzioso e un po’ dark. C’è Marina con i suoi abiti un po’ vintage. C’è Nick che spara battute a raffica. E poi c’è Sadie che fotografa tutto ciò che la circonda e che conosce Lane da un po’…

Sarà Sadie che assieme a Lane darà vita ad un romanzo a due voci sul dolore nell’essere lontani da casa e provati da una malattia di cui non si conosce ancora rimedio. Sadie e Lane si innamorano ma vedono il quotidiano in modi diversi. Entrambi vedono la morte e quella fievole speranza che un giorno qualcosa di buono avverrà.

Per stessa ammissione dell’autrice nella sua lunga nota a fine libro, Svegliami quando tutto sarà finito è un romanzo che parla di crescita.
I cambiamenti che affrontano i ragazzi di questa piccola “elite” studentesca è chiaramente visibile nelle pagine che si susseguono, alternando momenti lenti che ben rappresentano la noia del dover vivere sempre in un unico posto come un eterno campo estivo ma senza un futuro, ad altri velocissimi poichè tutte le regole imposte vengono infrante con risvolti drammatici.
Ognuno di loro capirà a proprie spese quanto sia difficile crescere e prendersi le proprie responsabilità.
Un romanzo che a mio avviso è adatto ad un nutrito gruppo di lettori, sia quelli giovani che avranno di cui interrogarsi sul seguire le regole, sia quelli meno giovani che potranno per una volta mettersi nei panni di chi vive in una situazione di disagio dove ogni regola infranta ha il gusto di una bevanda alcolica proibita.

Buona lettura
Chicca

Precedente Come grilli e stelle Successivo W…w…w Wednesday #31

4 commenti su “Svegliami quando tutto sarà finito

  1. Beth Book il said:

    Ciao Chicca, mi dispiace che il tuo cane non stia bene, purtroppo so come ci si sente.
    Iol romanzo sembra carina.
    Per adesso auguro una pronta guarigione al cucciolo e buone feste a te e ai tuoi!

    • librintavola il said:

      ciao Isa grazie mille.
      purtroppo non riusciamo a capire cos’abbia la nostra cucciolina, siamo veramente molto abbattuti. speriamo in bene
      Buone feste anche a te
      Chicca

Lascia un commento

*