The awakening. Il risveglio

The awakening. Il risveglio

The Awakening
The Awakening

di Kelley Armstrong

Descrizione
In “The Summoning – Il richiamo delle ombre”, primo capitolo della trilogia “The Darkest Powers”, abbiamo lasciato Chloe Saunders in fuga da Lyle House, la clinica dove era stata internata per apparenti disturbi psichiatrici. La verità è però un’altra, ben più oscura e sinistra: Chloe è infatti il risultato di un esperimento genetico che l’ha trasformata in una negromante, un essere in grado di resuscitare i morti e parlare con i fantasmi. Quando era
solo una bambina, un team di scienziati, chiamato Edison Group, ha usato lei e altri ragazzi come cavie per creare degli esseri umani con poteri soprannaturali; ne sono nati Simon, uno stregone, Derek, un lupo mannaro dal temperamento irascibile, e Rae, una strega con accessi di collera. Ora i ragazzi sono in pericolo, e gli stessi scienziati che li hanno creati vogliono eliminare ogni loro traccia. Le quattro indomabili creature dovranno unire le forze per riuscire a salvarsi e restare libere. Ma prima di combattere, Chloe dovrà capire se può fidarsi fino in fondo dei suoi compagni.

The Darkest Powers
The Darkest Powers

Recensione
Bene gente rieccomi tra voi a recensire, con estremo piacere, questo secondo libro della trilogia The Darkest Powers della scrittrice Kelley Armstrong, i fatti narrati riprendono subito dopo la fine di The summoning, pertanto ritroviamo i nostri protagonisti in fuga da Lyle House.
Chloe, come abbiamo avuto modo di scoprire è una negromante, i cui poteri sono stati acuiti da una modifica genetica ad opera del Gruppo Edison di cui fa parte anche la sua amata zia.
Anche Derek, Tori e Simon fanno parte dello stesso esperimento e tutti e quattro stanno sfuggendo ai loro aguzzini.
La loro unica salvezza è il padre dei due ragazzi, scomparso qualche mese prima in maniera anomala.

La fuga è tutt’altro che semplice, Chloe fa fatica a venire a patti con il suo dono, nonostante Derek la sproni e la sostenga nei difficili momenti in cui, suo malgrado, risveglia dei morti. E’ triste ed arrabbiata per il voltafaccia della donna che si è presa cura di lei da quando sua madre è morta anni fa.
Tori è una mina vagante, gli altri tre non sanno se fidarsi di lei, e lei non fa nulla per farsi amare anzi i suoi comportamenti sono sempre contraddittori.
E poi c’è Simon, il dolce e carino Simon che ha un debole per la nostra protagonista che sembra apparentemente ricambiarlo.

Un secondo volume ricco di avventura che non ha nulla da invidiare al primo, stesso stile narrativo, Chloe racconta i fatti in prima persona, e stessi dialoghi veloci e accattivanti.
Ogni personaggio ha a suo modo un grande fascino, anche se il mio preferito è Derek, con quel suo fare così irascibile ma estremamente intelligente.
Una protagonista giovane che comincia a scoprire, nel caos che ha colpito la sua vita, anche cosa si prova a stare ad un ragazzo e i momenti teneri in cui mi sono imbattuta sono stati veramente dolcissimi.

Eh gia sono in una delle mie fasi di romanticismo (basti guardare gli ultimi libri che ho scelto!!!) quindi l’effetto positivo che mi ha fatto anche questo romanzo è in parte da attribuire alla mia vena rosa del periodo 🙂

Anche questa volta pollice su! A presto con la conclusione della trilogia.
Buona lettura a tutti.

Precedente I cento colori del blu Successivo E poi ti ho trovato

Lascia un commento

*