The summoning. Il richiamo delle ombre

The summoning. Il richiamo delle ombre

The Summoning
The Summoning

di Kelley Armstrong

Descrizione
Chloe Saunders, una teenager come tante. Pochi sogni nel cassetto, ancora nessuna particolare aspirazione, se non quella di diplomarsi con un voto decente, avere molti amici, magari trovare un ragazzo da amare. Sebbene le sue aspettative siano basse nei confronti della vita, mai avrebbe potuto immaginare che nel bagno della scuola, invece di ragazze che si rifanno il trucco, o parlano del giocatore di football che le ha invitate al ballo, le sarebbe apparso il bidello della scuola, il bidello morto. Chloe infatti può vedere i fantasmi, e loro possono vedere lei.
La sua vita non sarà mai più la stessa. Molto presto gli spettri sono ovunque, le richiedono attenzione, invocano il suo aiuto. È troppo per lei: la ragazza ha un crollo nervoso, tanto da essere internata in una casa per ragazzi disturbati. Lyle House, “un posto per ritrovare la serenità”, reciterebbe una brochure, se ne esistesse una.
Purtroppo la realtà si rivela presto meno patinata e tranquilla, quando Chloe conoscerà meglio gli altri pazienti – le due compagne di stanza: la detestabile Tori, una persona sin troppo elettrica, e Rae, che ha un “problemino” col fuoco, l’affascinante Simon e l’ombroso fratello Derek, la cui ostilità nei suoi confronti si stempererà lentamente, sbocciando in un affetto che nessuno dei due avrebbe previsto – la ragazza inizierà a realizzare che
c’è qualcosa di sinistro che lega tutti loro, che c’è una vena molto più oscura che si cela nelle fondamenta di Lyle House…

Recensione
Avete presente quando il vostro sguardo si posa su di un libro e ci rimane incollato?
Se siete degli avidi lettori come me, di sicuro vi è capitato più di una volta, e se poi il libro in questione si rivela degno di essere letto la sensazione è ancora più bella!
La scorsa settimana durante una delle mie incursioni in biblioteca ho adocchiato The summoning, primo libro della trilogia The Darkest Powers che tanto recente non è, quindi per mia immensa gioia e fortuna sono riuscita a recuperare tutti e tre i libri quasi in contemporanea.

Ovviamente li ho gia tutti letti e ADORATI!

Ma partiamo con ordine.

In questo primo libro incontriamo Chloe Saunders, una normalissima adolescente, carina ma non troppo, non troppo popolare e con una normalissima vita. Studia cinema, scrive copioni e racconti, ha delle amiche, un padre che è sempre via per lavoro e vede i morti. Ebbene si un giorno Chloe scopre di poter vedere i defunti, per cui quando
le si para davanti un bidello stecchito fugge terrorizzata, ma viene bloccata a scuola dagli insegnanti e spedita una casa famiglia, la Lyle House, per essere curata da quella che i medici hanno diagnosticato come schizofrenia.
Nella Lyle House Chloe fa la conoscenza degli altri adolescenti che vi abitano, ognuno di loro con apparenti disturbi della personalità.
Tori, la cattiva ragazza, Liz dolce e spaventata compagna di stanza di Chloe, Rachelle che ha qualche problemino con il fuoco e i due ragazzi Simon, carino, gentile e dolce e Derek suo fratello, alto, imponente e scontroso. Quello che lega questi ragazzi però non è una malattia mentale, bensì un potere superiore che fa paura alle persone che li controllano nella misteriosa Lyle House.

Il tema trattato, che tanto va di moda oggi, vede per protagonista una piccola negromante, con un enorme potenziale che non sa di avere. Gli ingredienti che attirano un pubblico che ama questo genere di letture c’è tutto, mistero, cadaveri riportati in vita, scienziati cattivi, stregoni e licantropi; la domanda è basta questo mix di materiale visto e rivisto per far decollare un libro?
Ebbene si!
The summoning, si rivolge prevalentemente ad un giovane pubblico, ma la scrittura della Armostrong mi ha catturata fin dalle prime pagine. Il libro si lascia leggere con estrema facilità, dialoghi veloci, situazioni spaventose, e una volta tanto una protagonista che ha davvero paura di quello che sta facendo, è confusa e si fida delle persone
sbagliate. Ogni pagina mi ha lasciata con il fiato sospeso, chiedendomi cosa sarebbe successo poi tanto che non riuscivo a staccarmi da libro.
Ho adorato Chloe per il suo essere così normale, ho adorato Derek per il suo carattere ombroso e scostante, ho trovato Simon, un po’ troppo perbene e Tori meschina il giusto.
Un romanzo che mi ha conquistata e che consiglio agli appassionati del genere.

A presto con il secondo capitolo!!!!

Precedente Amity e Sorrow Successivo Grissini di sfoglia con salame

Lascia un commento

*