Ti amo ma niente di serio

Ti amo ma niente di serio
di Anna Chiatto

Buongiorno Lettori,
voi non potete sapere quanto è stato difficile scrivere questa recensione. Sul serio, tra interruzioni di ogni tipo, stanchezza con tanto di “mi cala la palpebra” e varie ed eventuali il gioco è fatto.
Quindi se mentre leggete queste mie parole vi accorgete che sono un tantino sconclusionate abbiate pietà di me e perdonatemi!!!

Detto questo, passiamo alle cose concrete. ecco a voi il mio pensiero sul libro di Anna Chiatto, autrice napoletana che ho scoperto svolazzando di blog in blog XD
4222-Sovra.indd
Descrizione

Emma non crede nell’amore. Forse perché in passato si è preso gioco di lei più di una volta e l’ha convinta a non cadere mai più nelle sue spire. Decisa a fare carriera, l’unica cosa che conta davvero, ha pensato di trasformare la sua visione cinica e razionale dei sentimenti in un punto di forza e, soprattutto, in una professione: la wedding planner. Certo l’apprendistato non è stato facile, alle dipendenze di un pazzo affetto da manie di grandezza che con l’intento di “formarla” le ha fatto pagare bollette, ritirare i vestiti in tintoria, comprare sonniferi nel cuore della notte e assecondare ogni bisogno di Fru e Fru, i suoi deliziosi chihuahua. Ma ora che Emma si è messa in proprio, il sogno sembra quasi divenuto realtà. Lavora senza sosta, esaudendo i desideri delle spose con le richieste più svariate: dal matrimonio medievale a quello vegano, dall’armatura alle slitte trainate da cavalli sulla sabbia, il tutto condito da un’unica, immancabile e falsissima frase: «Vorrei che fosse una cosa semplice». Emma, però, non ha calcolato che nella sua vita apparentemente perfetta e priva di coinvolgimenti emotivi possa arrivare un uomo misterioso e irresistibile, capace di far desistere il suo fervente credo anti-amore. E forse, per una volta, sarà lei a dover dire qualche sì.

Recensione
Emma è una wedding planner, ma non una di quelle famose come Enzo Miccio, bensì una semisconosciuta che oltre a fare il lavoro che ama si arrabatta in mille altre incombenze che le servono per non arrivare in rosso alla fine del mese.
Emma è divertente, simpatica e allegra. Non si scoraggia e cerca di soddisfare tutte le richieste dei suoi clienti, anche le più strampalate con risvolti tragicomici.wedding
Condivide questa sua attività lavorativa con Simone il suo migliore amico ed aspirante attore.
Ma Emma non crede nell’amore, è cinicamente realista, dopo la sua ultima delusione amorosa ha deciso di chiudere con i sentimenti, ma il suo cuore non è pronto ad essere ermeticamente sigillato, così quando nella sua vita fa irruzione Paco sembra che la nostra wedding planner debba rivedere un po’ le sue idee.

Libro super leggero e allegro è davvero un toccasana per staccare da tutto. Poco impegnativo e scritto in maniera piacevole mi ha tenuta in buona compagnia per svariate ore.
Certo alcune cose sono a mio avviso un tantinello assurde ma io non ho mai fatto l’organizzatrice di matrimoni quindi non saprei davvero quanto le sconclusionate richieste dei futuri sposi possano essere reali.

Questo romanzo mi ha portato alla mente gli aneddoti legati al mio di matrimonio, come ad esempio la sistemazione degli ospiti a tavola, la scelta delle bomboniere e dell’abito perfetto. E’ stato davvero entusiasmante ripercorrere il mio passato 🙂

Conludendo posso affermare che Ti amo ma niente di serio è la lettura ideale per chi cerca un romanzo divertente con lieto fine annesso. Se invece siete in cerca di qualcosa di un po’ più impegnato lasciate stare, questo non è il vostro libro!

Alla prossima recensione
Chicca

Precedente Segnalazioni di Ottobre - Parte III Successivo PETER PAN BOOK TAG

6 thoughts on “Ti amo ma niente di serio

  1. Erica Libri al caffè il said:

    Io ho lasciato che gli ospiti si sedessero dove volevano!! un problema in meno per me!!! Io non ho avuto bisogno di una wedding planner e non ne capisco la necessità ad essere sincera!!! Il libro sembra carino però e mi segno il titolo!!

    • librintavola il said:

      brava ottima scelta, io invece sono impazzita con la storia dei tavoli. anche per me niente wedding planner non era ancora di moda 😀

  2. Rosa Campanile il said:

    Caruccio assai e sono contenta che ti sia piaicuto ^_^
    Per il momento, per me il problema dell’organizzare il matrimonio non si pone, perchè mi manca la dolce metà ihihih X”D

Lascia un commento

*