Crea sito

Un maledetto per sempre

Un maledetto per sempre
di Bianca Marconero

Subito dopo aver letto Un maledetto lieto fine, scrissi a Bianca per dirle che per me Brando e Agnese ce l’avrebbero fatta, ne ero certa, perchè personaggi con quella tempra e quel carattere ne sarebbero venuti fuori bene in ogni caso. Ero più che soddisfatta di come fossero andate le cose, ero infatti tra le lettrici che non sentivano il bisogno di un seguito, ma evidentemente Brando e Agnese avevano ancora tanto da dire e così nel giro di pochissimo tempo Bianca ci ha deliziati con il capitolo conclusivo della storia.

Descrizione
Brando e Agnese si sono lasciati. Sono passati tre anni dalla loro separazione. I ricordi sono i loro compagni silenziosi ma cercano di andare avanti e ricostruire le loro vite. Brando, dopo le vicende accadute a Montréal, desidera una felicità di base, fatta di amicizia, lavoro e affetti. Vuole consolidare il successo della sua band, gli Urban Knights, e soprattutto desidera innamorarsi di nuovo. Quando incontra Penny, una giovane fotografa, si convince di aver trovato la persona che può aggiustare il suo cuore spezzato.
Agnese vive a Milano e ha un unico obiettivo: proteggere la persona più importante della sua vita. Affronta le difficoltà a testa alta, in fuga dal padre, il senatore Goffredo Altavilla e in lotta continua con Lucio, divenuto ora l’avvocato del senatore.
Dopo una serie di appuntamenti mancati con il destino, Brando ritrova Agnese e scopre l’esistenza di Jacopo. L’incontro fornirà l’occasione per ripartire un’altra volta o sarà l’ennesima caduta verso un finale sbagliato? In che direzione va il “per sempre”, quando i segreti del passato diventano troppo ingombranti, quando l’amore deve essere gridato, quando la fiamma brucia ancora, pronta a divampare, per l’ultima volta?
Capitolo conclusivo della storia di Brando e Agnese, protagonisti di “Un maledetto lieto fine”.

La serie si compone di

Un maledetto lieto fine
Montreal – novella
Un maledetto per sempre
Un maledetto addio – novella prequel

Recensione
Tre anni di lontananza possono essere un periodo molto lungo per due persone che hanno condiviso eventi che cambiano per sempre la vita. Brando e Agnese hanno alle spalle un passato fatto di amore, un amore di quelli importanti ma che ha portato entrambi sull’orlo dell’abisso, vuoi perchè erano ancora immaturi, vuoi perchè in molti erano contro di loro, vuoi perchè semplicemente non era il momento giusto.

In tre anni molte cose sono cambiate, Brando è ancora frontman degli Urban Knights ma fatica a scrivere nuove canzoni, gli manca l’ispirazione e pensa ancora ad Agnese nonostante nel frattempo abbia conosciuto una ragazza con cui poter ripartire da zero.
Agnese invece si nasconde costantemente da suo padre e da Lucio, vive al meglio delle sue possibilità e ha concentrato la sua esistenza attorno al figlio Jacopo. Per lui farebbe di tutto, anche accettare lavori che altrimenti nemmeno prenderebbe in considerazione.

Ma la loro storia, che per certi versi è maledetta, ma per molti altri semplicemente tormentata, non è ancora arrivata al suo epilogo, questi due ragazzi devono ancora camminare, separati, insieme, prima che il loro destino si compia e sappiate miei cari lettori che i colpi al cuore sono dietro l’angolo quindi preparatevi a soffrire. E tanto.

Immagine creata da @giusy_books su Instagram

Bianca, con questo romanzo, da l’ennesima conferma di essere un’autrice meravigliosa, i suoi personaggi, perfetti proprio perchè hanno mille difetti sono la prova concreta della sua bravura. Ogni particolare è curato al meglio, ogni parola detta è uno strazio ed una gioia, gli sguardi che si scambiano questi due ragazzi sono struggenti e deliziosi, così come il primo incontro di Brando con Jacopo, quel bambino adorabile e tanto amato. È grazie a lui che la crescita di Agnese è quanto di più bello ci sia nel libro. Il suo personaggio attraverso due volumi ha una maturazione che da sola vale la lettura, lei che da ragazzina abituata a vivere come una principessa, impara a lottare per se stessa e per suo figlio. Agnese è una sopravvissuta, una donna molto più forte di quel che appare.

Brando, accidenti a lui, quante volte lo avrei preso a schiaffi per la sua immensa cecità e quante volte avrei voluto abbracciarlo per la tenerezza che scorgevo ogni volta che posava gli occhi su Jacopo. In questo romanzo continua a non trovare pace gli manca qualcosa, quel tassello che completerebbe il puzzle della sua vita e che solo la vicinanza di Agnese può regalargli.

Ritroviamo in questo libro anche vecchie conoscenze, Giamaica, Pier, Camilla (ti odio brutta stronza) e Lucio. Ecco su di lui vorrei spendere qualche parolina. Lui è un ragazzo pessimo, compie cattive azioni e di certo non è una figura positiva però cavolo che pena immensa che mi ha fatto. Essendo tutti concentrati su Brando e Agnese non ci si rende conto di quanto Lucio ami questa ragazza che sa non ricambierà mai i suoi sentimenti, e la sua rassegnazione mi ha davvero colpita moltissimo, credo che sia uno dei momenti più intensi di tutto il romanzo. Io mi chiedo, troverà mai la sua gioia?

Con questo dubbio, o con questa speranza, vi saluto cari lettori e vi consiglio davvero di leggere non solo questo romanzo ma tutti i libri di Bianca Marconero, che meritano tanto.

Chicca

8 Risposte a “Un maledetto per sempre”

  1. In me albergano due fazioni: una che vorrebbe leggere il seguito una che si rifiuta di leggerlo perché Un maledetto lieto fine per me è perfetto così come è… per il momento prevale la seconda fazione. Ora pur apprezzando il lavoro di Bianca, NON leggerò Un maledetto per sempre, non sono pronta per affrontarlo.

    1. Manuela anche io ero come te molto scettica però alla fine ho deciso di leggerlo. tu prenditi i tuoi tempi! arriverà il giorno giusto forse

  2. Grazie Chicca, perché sto ancora ridendo per la parentesi che segue il nome di Camilla. E grazie per quello che hai detto su Lucio. In effetti anche secondo me è un personaggio tragico, perché non è che i cattivi siano immuni al dolore. Anzi! Grazie per aver dato fiducia al mio lavoro ancora una volta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.