La vita quando era nostra

La vita quando era nostra

La vita quando era nostra
La vita quando era nostra


di Marian Izaguirre

Descrizione
Madrid, anni Cinquanta. “Mi manca la vita quando era nostra…”. Lola lo ripete spesso al marito Matías, ripensando ai giorni pieni di libri, progetti e idee, prima che la guerra civile cambiasse la faccia e le strade della città, e distruggesse in un colpo solo le loro vite, la loro casa editrice, e i loro sogni. Ora Lola e Matías hanno una piccola libreria, incastonata in un vicolo seminascosto della città. Una libreria di libri già letti: libri usati, passati di mano in mano e di vita in vita, che Matías raccoglie e rivende andando in giro per le case madrilene. Ed è proprio mentre, carico di una pila di volumi, si inerpica come ogni giorno su per il vicoletto, che una donna lo vede. Si chiede chi sia quest’uomo che gira la città con le braccia piene di libri, e comincia a seguirlo. Da quel giorno la vita di Alice, inglese arrivata a Madrid prima della guerra, cambia per sempre. Grazie alla piccola libreria di Matías, e grazie a un libro: quello sistemato su un leggio in vetrina, che Lola e Alice leggeranno insieme, pagina dopo pagina. Piano piano, un’amicizia eccezionale, intensa e tessuta capitolo dopo capitolo, prende forma. Un’amicizia tra due donne che portano entrambe il peso del passato, due segreti e due amori nascosti nelle pieghe degli anni di guerra, e che entrambe troveranno, infine, il coraggio di rivelare. Solo così la vita com’era prima, prima della guerra, prima della dittatura, forse potrà tornare.

Recensione
Ho terminato la lettura di questo libro proprio ieri sera, quindi mi accingo a scriverne la recensione a mente freschissima.
Lola è una donna forte, bella e appassionata ma con un profndo senso di tristezza che l’avviluppa per quello che la vita le ha riservato. Aveva grandi speranze, era una traduttrice per la casa editrice del marito prima che la guerra cambiasse tutto, prima che quella maledetta guerra si portasse via la loro attività e la loro casa lascinadoli senza soldi ad arrancare in una piccola e modesta libreria seminascosta al pubblico.
Ma lei non si arrende e nonostante tutto si sforza di essere positiva. Ama leggere e sognare e l’amore per la lettura la porterà a conosce Alice, una donna di mezzà età che si affeziona tantissimo a lei e al marito Matias e che misteriosamente e senza un apparente motivo, lascia per loro nascosti in libreria volumi nuovi che poi ricompra ogni settimana. Insieme, Alice e Lola cominceranno a leggere “La ragazza con i capelli di lino”, Rosa Tomlin, di quando bambina fu lasciata in una fattoria a crescere lontana da sua madre e da suo padre, un nobile che l’ha avuta dopo una relazione extraconiugale.
Una storia nella storia, appassionante, tragica e ricca dI particolari.
Devo ammetterlo delle due, la storia che più mi è piaciuta è stata proprio quella di Rosa, cresciuta nonostante tutto in maniera eccezionale.
Nonostante alcune parti che possono apparentemente sembrare noiose la narrazione è scorrevole, vivace e ti catapulta in un periodo storico molto intenso, tanti i luoghi a cui si fa riferimento, Francia, Inghilterra, Spagna, e moltissimi anche i personaggi che ruotano attorno alle nostre protagoniste, tutti variopinti ed estremamente interessanti.
Insomma un bel libro di un’autrice spagnola che a mio parere andrebbe letto anche solo per toccare con mano le esperienze vissute nel periodo della guerra.

Precedente Dieci Piccoli Indiani Successivo Torta di compleanno

2 commenti su “La vita quando era nostra

  1. Ho una certa predilezione per i libri ambientati nel dopoguerra… Sembra una storia bellissima immersa nell’amore per la lettura e i libri… Sono felice di aver preso questo libro e spero di leggerlo al più presto! Bella recensione! ❤

    • librintavola il said:

      ciao Lily,
      sono più che certa che ti piacerà così com’è piaciuto a me. e se posso permettermi un altro suggerimento leggi Tra la notte e il cuore di Julie Kibler un libro veramente meraviglioso che come questo della Izaguirre‎ ha due ambientazioni. a presto Chicca

Lascia un commento

*