Noi due ai confini del mondo

Noi due ai confini del mondo
di Morgan Matson

Descrizione
noi-due-ai-confini-del-mondoAmy Curry pensa che la sua vita sia uno schifo. Suo padre è recentemente scomparso in un incidente d’auto e sua madre ha deciso di trasferirsi dalla California al Connecticut, proprio durante il suo ultimo anno di scuola. Il viaggio in macchina per raggiungere la costa opposta degli Stati Uniti è lunghissimo, e con lei ci sarà Roger, figlio di un’amica della madre, che Amy non vede da quando erano bambini. Perciò, quando se lo trova di fronte, Amy ha uno strano sussulto, che però è brava a nascondere. La verità è che non è esattamente entusiasta all’idea di attraversare il Paese con qualcuno che non conosce, ma la strada è infinita e bisogna darsi il cambio alla guida. Il tragitto scrupolosamente programmato da sua madre viene però completamente stravolto, via via che l’iniziale diffidenza tra i due diventa simpatia, e il viaggio si trasforma, ora dopo ora, in qualcosa di diverso, molto speciale e più profondo…

 

Recensione
Viaggiare in lungo e in largo per l’America? Probabilmente un sogno di molti ma veramente in pochi ci riescono. Amy e Roger hanno la possibilità di farlo, mettersi in macchina e percorrere chilometri e chilometri di strada, partire dall’assolata California per arrivare in Connecticut, scegliendo percorsi alternativi, visitando luoghi famosi, incontrando persone e fermandosi in ogni tavola calda e fast food del paese.
Ma il loro non comincia come un viaggio di piacere tutt’altro, quel viaggio sta stretto ad entrambi, Amy deve raggiungere la madre in una casa sconosciuta, in un posto sconosciuto, lasciandosi alle spalle la vita che aveva imparato a conoscere ed amare, quella stessa esistenza che è cambiata radicalmente in un giorno di Marzo, quando il suo papà è morto in un incidente d’auto.

Tutto è pronto, l’itinerario è stato programmato per ogni singola tappa dalla mamma di Amy e i due ragazzi non devono far altro che seguirlo attentamente, ma i sentimenti di entrambi sono molto più forti di un qualsiasi programma preimpostato, le loro emozioni e i loro desideri li porteranno altrove, verso quella Graceland tanto amata dal papà di Amy, verso quella ragazza a cui Roger non vuole dire addio.

E ad ogni tappa, ad ogni chilometro percorso, i nostri due protagonisti impareranno a conoscersi e a sorridere alla vita e a ciò che gli sta offrendo.

Amy & Roger’s Epic Detour* è un romanzo che mostra innegabilmente l’amore dell’autrice per il suo paese ma che nasconde una profonda vena di tristezza e malinconia legata alle vicende familiari della giovane protagonista.
Amelia è chiusa in un bozzolo di parole non dette e lacrime ricacciate indietro, ha paura di mostrare i suoi sentimenti ma inconsapevolmente si affida a Roger più di quanto crede.
Ad ogni pagina, ad ogni chilometro percorso, mi sembrava di essere li sul sedile posteriore della loro auto a guardarli parlare, discutere e scegliere canzoni, ad osservare i paesaggi che cambiavano davanti ai loro occhi ma soprattutto vedere Amy che pian piano tornava ad essere quella di una volta.
Il romanzo è simpaticamente corredato di fotografie dei vari luoghi visitati, dalle fotografie dei piatti gustati da Roger ed Amy ma soprattutto è pieno zeppo di playlist musicali scelte per il viaggio e devo ammettere che il 90% di esse mi è totalmente sconosciuta.
Un libro nel complesso carino, ma che mi ha lasciato un profondo senso di malinconia che forse a mio parere poteva essere stemperato con qualche risata in più.
Vorrei inoltre aggiungere di non aver apprezzato – ne capito – la figura della madre che lascia completamente sola una figlia visibilmente destabilizzata da tutto ciò che le è successo mettendola nella mani di un ragazzo di cui Amy si ricorda a malapena, sulle strade di un’America per lei ancora sconosciuta.

Buona lettura Chicca

*Questo il titolo originale dell’opera che credo sia molto più appropriato.

Precedente Giveaway 100 followers Successivo Avengers Book Tag

Lascia un commento

*