Un bacio sotto la neve

Un bacio sotto la neve
Sister in love #1
di Melissa Foster

Un bacio sotto la neve. sDescrizione
Danica Snow è sempre stata intelligente e dotata di grande senso pratico. Lavorando come terapeuta, si vanta di fare scelte ragionevoli e prudenti, per quanto a volte un po’ noiose. Fa anche parte, come volontaria, del programma “Big sister”, all’interno del quale le è stata affidata una ragazzina da seguire: ha quindi poco tempo per qualsiasi altra cosa. Blake Carter ama giocare. Non si stanca mai di conquistare donne e con il suo aspetto sexy non ha problemi a trovarne sempre di nuove. Quando il suo amico e socio in affari muore improvvisamente in un tragico incidente, Blake, disperato, vuole cambiare vita. Il problema è che non sa come smettere di fare quello che gli riesce meglio. Quando arriva nello studio di Danica, l’attrazione tra loro è fatale, ma Danica non è tipo da cedere al piacere mettendo a rischio il proprio lavoro. Eppure il desiderio che prova la costringe a scoprire una parte di se stessa a cui ha sempre dato poco spazio, e la voglia di abbandonarsi a certi piaceri è fortissima. Ma in questo momento, con tutti gli impegni e le responsabilità che ha, si sente in trappola e non sa come fare a ignorare quella intensa tentazione…

Recensione
Alcuni libri sono molto facili da recensire, basta una parola per racchiudere l’essenza stessa del romanzo. Molti altri invece hanno bisogno di continui ragionamenti per poter solo avvicinarsi a quello che significano davvero, ma Un bacio sotto la neve fa decisamente parte della prima categoria e se potessi identificarlo con un unico vocabolo questo sarebbe NOIOSO.

Purtroppo fin dalle prime pagine mi sono resa conto che la scrittura della Foster, almeno per quel che mi riguarda, è piatta e rigida. Dialoghi spenti e monocorde non riescono a ravvivare la situazione ed è un vero peccato perchè il tema centrale di tutto il romanzo è davvero interessante.
La storia infatti racconta del rapporto tra Danica e Blake, psicologa la prima e scatenato libertino il secondo e dei loro sentimenti e comportamenti che cambiano nel corso del romanzo a seguito di una serie di eventi scatenanti, l’attrazione per il suo paziente per Danica e la morte del suo migliore amico per Blake.

Danica pensa troppo, rimugina continuamente su ogni cosa che le accade, per contro Blake invece fa l’esatto opposto, entrambi però pagina dopo pagina cercano di trovare un equilibrio che li aiuti a limare quegli spigoli del loro carattere e che li porterà inevitabilmente a trovare nell’altro un punto saldo.
Attorno ai due protagonisti fanno capolino troppi personaggi secondari che a loro volta vivono particolari dinamiche, non per nulla questo volume è il primo di una serie, ma la presenza di così tante persone con storie a sè riducono il rapporto nascente tra Blake e Danica a poche misere paginette tanto che ci si chiede come questi due abbiamo potuto innamorarsi.
Il secondo volume della serie, Ogni maledetto bacio che avrei voluto darti, vede protagonista la sorella di Danica è gia pronto sul mio tavolino dei libri da leggere nonostante questo primo romanzo sia veramente di una noia mortale!

A presto con una nuova recensione
Chicca

Precedente Novità in libreria #1 Successivo Fusilli con pomodorini pancetta e basilico

Lascia un commento

*