Purchè sia di serie #10

Purchè sia di serie #10

Anche per la Rubrica Purchè sia di serie agosto è stato un mese di vacanza, osì ne ho approfittato per leggere il secondo volume della Mystery Man series scritta di Kristen Ashley.
Vi ricordo che il PSDS nasce da un’idea de La Lettrice sulle nuvole aiutata nella grafica da Le mie ossesisoni librose.
A tal proposito ecco i partecipanti di settembre:

Se volete unirvi a noi fate un fischio!

Dimmi che sei mio
Mystery Man Series #2
di Kristen Ashley

Descrizione
Mentre sta allestendo la vetrina del suo amato e frequentatissimo panificio, Tess O’Hara vede comparire l’uomo dei suoi sogni: atletico, deciso, e con un paio di occhi che mandano riflessi di mercurio liquido. Lui la invita a bere una birra e lei accetta senza pensarci troppo. Tutto sembra molto naturale e spontaneo tra di loro, ma quattro mesi dopo, Tess scopre che Brock è un agente sotto copertura dell’Agenzia Federale Antidroga che sta indagando sul suo ex marito, coinvolto in traffici poco puliti. Così, nonostante i forti sentimenti e l’attrazione decide di mollarlo. Ma Brock non è affatto d’accordo. Dopo anni a contatto con la feccia della società, finalmente ha incontrato la persona che mancava nella sua vita e non è intenzionato a lasciarla andare, soprattutto dopo che ha saputo quale pesante segreto Tess porti con sé.

Recensione
Generalmente la Ashley è per me una sorta di coperta di Linus. Mi diverte, mi fa ridere e mi fa innamorare dei suoi personaggi ma purtroppo questa volta l’idillio si è spezzato perchè l’imprinting con Brock “Secco” Lucas non è arrivato.

Fin dalla sua prima apparizione in Non dirmi di no mi sono accorta che proprio non mi piaceva. Il suo atteggiamento, il suo modo di fare mi davano sui nervi e nonostante la solita scrittura dell’autrice, il romanzo non mi ha appassionata.
Non so dire esattamente cosa non ha funzionato, forse tutto mi sembrava troppo statico e ho trovato la storia noiosa e lenta anche se Tess, la protagonista femminile ha un suo perchè. Kristen in lei infatti ha saputo dosare perfettamente talento, caparbietà e dolcezza.
Ho soprattutto apprezzato il modo in cui ha reagito in alcune situazione a rischio.

Sempre carino invece trovare volti noti sia di questa che di altre serie.
Va da se che questa caduta non mi farà cambiare idea sui lavori della Ashley, ma per quanto mi riguarda questo è un no!
Peccato.

Chicca

Precedente Questa volta leggo #22 Successivo Aperitivo con Anna Dalton

12 commenti su “Purchè sia di serie #10

    • librintavola il said:

      ma davvero!
      tu sei stata la mia ispiratrice. ti ricordi che avevo vinto il primo volume della Rock Chick serie proprio su un gioco fatto sul tuo blog?

  1. Sabrina T. il said:

    Io adoro la Ashley, mi piace molto come scrive, comunque tra tutti i libri di questa serie secondo me questo era il meno bello. Brock lo avrei preso a testate già nel primo libro per quella sua aria da so tutto io…

  2. CHIARA ROPOLO il said:

    Capita dai, uno scivolone ogni tanto. Io non ricordo bene il libro, ma ricordo che mi era piaciuto. Invece il suo ultimo Non mi ha convinta del tutto

Lascia un commento